Di questo particolarissimo magazine che pubblica solo interviste avevamo parlato in occasione dell’uscita del secondo numero.
Ora, in occasione della sua terza uscita, Klat torna con una grossa novità: il formato digitale.

Grazie alla collaborazione con Zinio ora è possibile scaricarsi la rivista per Mac, Pc e soprattutto iPad. E ovviamente, rispetto alla versione cartacea, si risparmia.

L’importante, che siate iPatiti o al contrario cultori della vecchia cara carta, è che non vi perdiate questo numero, tutto dedicato alle sfide ed alle tesi controcorrente.
Tra gli arredi carbonizzati di Maarten Baas, le fastidiose verità di Oliviero Toscani, la tecnofila semplicità di John Maeda, c’è di che leggere/pensare/criticare/sognare per il resto dell’estate.

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
I logo delle automobili, da “cuccioli”