Fuorisalone: FoodMarketo

La cosa bella del Fuorisalone è che vorresti che Milano fosse sempre così (traffico a parte): cose da scoprire ad ogni angolo; stimoli che ti saltano addosso anche quando passi per una stradina anonima fuori dal centro. Una fiera, con i suoi stand, non avrà mai il sapore della strada, dei palazzi, dei negozi, delle porte, dei giardini, dei muri veri.

Anche FoodMarketo vorresti che rimanesse sempre lì. Entrateci e capirete. In una via che non ha niente da raccontare è un mini buco nero – ad alta densità di idee, oggetti, magazines – che ti risucchia con la sua atmosfera casalinga.

Nato dalla collaborazione tra quel capolavoro di rivista che è Apartamento Magazine e DesignMarketo, FoodMarketo è per metà negozio e per metà uno workshop di cucina.
30 designers internazionali hanno realizzato opere sul tema cibo – oggetti per la casa, t-shirts, stampe, borse – ed è tutto in vendita e per tutte le tasche, da quelle dei nani a quelle dei giganti.

Ogni giorno, poi, c’è un workshop di cucina (ad alto contenuto estetico e sensoriale).
Oggi alle 14,00 è la volta del pane: ci si fanno dei pan-amici con Alexandre Bettler. C’è posto solo per 10. Fortunato chi arriva prima.

Altre storie
Ainu Tales: storie in forma di ceramica