L’ascia che io sia

Scusate il nekkiano gioco di parole (ma dopotutto lui apprezzerebbe, è uomo di campagna e di sudore della fronte), che comunque potrete farmi pagare riducendomi a brandelli con un’ascia nuova fiammante della collezione AW2010 della Best Made Co, l’unico brand, credo, a sfornare asce come fossero collezioni di moda.

Anche se non siete serial killer o boscaioli, un’ascia fa sempre comodo: costa meno di un’auto ma ti fa sentire uomo lo stesso. Probabilmente di più. E il vero uomo toglie quadri e stampe, che dopotutto non servono a nulla, e alle pareti appende solo asce. E quando esce di casa si mette il cappellino rosso del coraggio: molto Zissou, che non era un montanaro ma avrebbe apprezzato la pagina di ispirazioni piena di iceberg.

Altre storie
Le Jeu de l’Âme: un mazzo di carte per scoprire se stessi attraverso i simboli