Aldo Moro, 5

Di Greta Pigatto e dei suoi due brands, Madeleine Couture Greta Pigatto Couture (leggi qui il perché del cambio del nome) e Hwart, abbiamo già parlato diverse volte qui su Frizzifrizzi.
Stavolta invece vi parlerò del suo progetto più ambizioso, Aldo Moro 5.

Nato lo scorso anno come contenitore per l’eclettica creatività di Greta (graphic design, moda, arredamento ed oggetti per la casa), il sito ha visto prima la nascita di una vera e propria boutique virtuale dove acquistare online ed ora, ospitando altre creative che, come lei, avevano bisogno di una propria vetrina, il sito si sta via via trasformando in una sorta di piccolo Etsy tutto italiano.

E visto che l’unione fa la forza, Aldo Moro 5 sta crescendo sempre di più, grazie all’arrivo di nuovi brands, tutti rigorosamente handmade, e al blog dove seguire tutte le novità ed approfondire la conoscenza della varie realtà coinvolte con interviste e presentazioni.

Ad oggi fanno parte del progetto SoCute, La Zia Epi, GemelleToscane, FeduLab, Nivule Clothing, Aurora Tagliaecuce e La Matassa Ultravioletta.
E grazie a banners, social networks e al buon vecchio passaparola, Aldo Moro 5 si sta facendo conoscere sempre di più.

Per il 2010 è previsto l’arrivo di nuovi marchi e chiunque volesse proporsi può farlo inviando una mail ad [email protected].

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Il nuovo numero — il nono — di LogoArchive