LaPillola 400

LaPillola 400

Forse dovrei cominciare a preoccuparmi, non starò diventando troppo nerd? Ethel e Simone non ridete ! Vi spiego. Non molto tempo fa venivo a conoscenza di quello che stava succedendo a Bologna per passaparola, soprattutto nel mondo dei locali e delle iniziative culturali-artistiche non mi sfuggiva molto. Oggi invece complici i prolungati soggiorni in Calabria ed il fatto che i miei amici bolognesi hanno messo su famiglia o comode pantofole, vengo a sapere anche delle cose interessanti che capitano a Bologna (che considero sempre la mia città) attraverso la rete. E proprio girovagando in rete mi sono imbattuta ne LaPillola 400.

La Pillola 400 è un’associazione culturale che gestisce l’omonimo spazio di 400 mq in via Algardi 3/A a Bologna. Qui convivono un coworking, una galleria ed un caffé e si organizzano eventi. Il coworking è un ufficio condiviso, un open space dotato di tutti i supporti necessari per il lavoro, dove è possibile affittare una postazione di lavoro per il tempo necessario e condividere spazio, attrezzature ed esperienze con altri.

E’ indicato per chi vuole uscire dall’isolamento della propria casa, per chi viaggia per lavoro ed ha bisogno di un ufficio temporaneo, per chi vuole iniziare un’attività contentendo i costi di mantenimento di un ufficio, per chi vuole aumentare le proprie opportunità di lavoro beneficindo dei contatti con gli altri coworkers.

Il resto dello spazio è sempre in trasformazione. Durante il giorno è zona relax con wi-fi libero e poi ospita concerti, eventi, mostre, performance, ma anche uno shop che propone accessori, abbigliamento e design di giovani artisti (chi è interessato si faccia avanti e si proponga). E’ arredato con mobili di recupero ed arricchito da istallazioni artistiche (nelle foto Phonomatica realizzata da Simone Bellotti per le Ecole del Rusco 2008).

La gestione degli eventi è seguita soprattuto dall’associazione culturale La Pillola, che tra le altre cose, cura le Ecole del Rusco una rassegna d’arte fatta soprattutto con materiali di recupero, giunta ormai alla quarta edizione.

Il caffé propone colazione e pranzi, il venerdì aperitivo ed evento. Chi vuole andare a pranzo trova ogni giorno il menù on line, lo può prenotare e lo trova pronto, o quasi, al suo arrivo.

Fantastico!

[nggallery id=109]
Altre storie
Phillip Kalantzis Cope e l’America del “paesaggio di mezzo”