Archétypes: questione di misure

Archétypes: questione di misure

Come se non batasse lo specchio, i jeans che diventano troppo stretti, colleghe magrissime ed attentissime alle variazioni di peso altrui, guardate che si è inventato Martin Haldimann. Si chiama Archetypés, cintura di sorveglianza.
Boh, non ho parole!

co-fondatrice e caporedattrice
  1. cara Francesca, se tu non hai parole, io ne ho meno di te. Questa “creazione” se così si può chiamare, è assolutamente abominevole!!!
    Ma come? invece di sensibilizzare le nuove generazioni contro le fissazioni del peso, ci sono persone che si scervellano per ottenere l’esatto opposto?
    io davvero sono allibita, dovrebbe esserne vietata la produzione!!!
    grazie francesca per il post, questo ci aiuta a capire quanto ancora deviato e superficiale sia buona parte di questo mondo!

  2. innisfree come se l’avessi scritto io…
    manco se raggiungerò un vitino da vespa (cosa che nopn succederà mai) indosserò una schifezza simile…

  3. io sinceramente non la interpreto in questo senso. dopo le cinture con i tasti del piano, ecco quelle con un metro. non credo che il significato che il designer voleva dargli sia così brutale, anche perchè la circonferenza di un giro vita si nota anche senza il bisogno di fare troppo caso a degli stupidi numerini.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900