I nuovi pezzi unici di Italia Independent ovvero Lapo Elkann

I 12 pezzi unici di Italia Independent

Durante la settimana della moda si vede veramente di tutto, sempre più numerosi gli stilisti per caso. Vip o sedicenti tali che fanno sfilare le loro collezioni o presentano i loro prodotti.

Perciò, quanto Simone mi ha chiesto di scrivere un post sulla presentazione dei nuovi pezzi unici di Italia Independent di Lapo Elkann ho avuto un brivido lungo la schiena.
Avevo solo sentito parlare degli esosi occhiali in carbonio e devo dire che sono andata a vedere le immagini dei pezzi, con non pochi pregiudizi.

La prima cosa che mi ha colpito e vi voglio far notare? I prezzi.
Non mi riferisco al fatto che, quasi tutti gli oggetti hanno prezzi proibitivi per la maggior parte degli italiani, ma al fatto che tutti finiscono con il numero 7. Quale sarà la spiegazione?

Boh, comunque, è una collezione non omogenea di oggetti, accessori e capi di abbigliamento.
Si parte dai “famigerati” occhiali da sole in carbonio fatti a mano, per la modica cifra di 1007 €, la collezione ne propone altri modelli anche femminili, più abbordabili.

Per passare ad una shopping bag in un tessuto speciale, ha perfino ottenuto la certificazione UNI EN ISO 1395 che ne certifica la resistenza, costa 357 € ed una borsa da viaggio che unisce la resistenza del filo di Kevlar® – utilizzato per la realizzazione di giubbotti antiproiettile – e la finezza del nylon, 1247 €.

Ci sono, poi, un paio di pantaloni e due camice, ma quello che più ha attiratto la mia attenzione è il cosiddetto capo-spalla, un giubbotto tagliato stile smoking, per la cui realizzazone Italia Independent si è avvalsa della collaborazione di “due i partner d’eccezione” : la Sartena Confezioni, laboratorio sartoriale di Treviso, esperti nell’arte del taglio e della modellistica e la DuPont™, una multinazionale che ha fornito e certificato il tessuto Cordura®. Costo 1707 €.
Per finire 2 vasi e 4 candelabri in carbonio.

Ho detto che ero prevenuta, ma mi sono dovuta ricredere. Vi spiego perché, al di la delle pur lecita domanda su chi ha”veramente” immaginato, disegnato e pensato questi oggetti dalle linee pulite e dai materiali ricercati ed innovativi, gli oggetti in se sono belli, dalle linee sobrie ed eleganti (eccetto qualche paio di occhiali), i materiali scelti, poi, li rendono preziosi.

Se ne sentiva la necessità? Forse no, come della lingerie di Valeria Marini, delle t-shirt di Vieri e via dicendo.
Almeno, però, i personal belongings di Italia Independent non sono ridicoli, cosa che non si può dire di molte delle altre produzioni di cui sopra!

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
LenzuoLino: la riscoperta di un “nuovo” antico lino passa per un corredino da culla