La nuda verità

No Anorexia - Nolita
Mr. Oliviero Toscani firma la nuova campagna pubblicitaria per Nolita. Questa volta non si parla della signora moda, ma del suo nuovo amico, di nome Anoressia.
Dietro tutto questo, la volontà da parte di un azienda di sensibilizzare l’opinione pubblica. Dietro tutto questo, milioni di persone che cercano di affrontare le proprie paure.

contributor / illustratore
  1. L’anoressia è una malattia con basi pisicologiche molto complicate e difficili, credo che questa foto e campagna serve solo a Toscani per far parlare di lui, ma di certo non serve ad sensibilizzare la gente. Nella mente di chi è ammalato può avere un effetto contrario, quale ammirazione verso la ragazza fotografata e cercare di emularla.
    Perchè è così che funziona l’anoressia.

  2. Premetto che a me lo stile-Toscani non piace, qui più che lui il colpo di genio (commerciale) ce l’ha avuto la Nolita a fare una campagna del genere. Non credo che Toscani sia stato il primo a pensare di mettere un’anoressica su un cartellone pubblicitario.

    Dico genio commerciale della Nolita perché così fa parlare di sé.
    Secondo me una vera campagna per ‘sensibilizzare’ sarebbe stata, al contrario, più efficace se avesse mostrato modelle sexy e rotonde. Ovviamente la mia è solo un’opinione, e riferita a questa campagna in particolare. Il problema è troppo complesso per essere trattato da persone non qualificate in un blog come questo.

  3. ..ho una cugina di 17 anni che da un anno soffre di questi disturbi…è in cura..ma la strada è lunga..purtroppo i modelli che ci propone la società sono sbagliati, e quando dietro queste ragazze (o ragazzi) non ci sono situazioni familiari solide è facile farsi trascinare in quei “tunnel” che apparentemente ti consolano e ti fanno dimenticare i veri problemi, ma che con il tempo ti autodistruggono.

    FORZA A TUTTI..PARLATE PARLATE PARLATE..è QUESTA LA VERA ARMA PER COMBATTERE QUEL MOSTRO..SFOGATE TUTTO..E IMPARATE A CONOSCERVI!
    VEDRETE QUANTO DIETE BELLI…DENTRO E FUORI!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900