Frizzifrizzi è in pausa estiva. Torniamo a settembre.

Da Phaidon l’atlante dell’architettura brutalista

Uscito ormai da anni dai confini delle riviste e dei convegni di architettura per conquistare, grazie alla rete, un più ampio pubblico di appassionate e appassionati — in principio (forse) fu il tumblr Fuck Yeah Brutalism, attivo dal 2010, poi sono arrivati gli hashtag e gli innumerevoli account Instagram, fino al recentissimo successo della combo gattini + cemento a vista di @cats_of_brutalism (sottotitolo: “Your daily dose of cats and concrete”) — il brutalismo sta vivendo un momento d’oro.

La grande attenzione riservata al movimento architettonico nato negli anni ’50 — tanto amato quanto odiato, tra utopie socialiste di abitazioni a basso costo per le masse e funzione predominante sulla forma — è testimoniata anche dalle molteplici pubblicazioni, online e non, che hanno di fatto traghettato il brutalismo ben al di fuori dell’ambito urbanistico e architettonico, trasformandolo in fenomeno culturale.
Tra le tante uscite — qui su Frizzifrizzi ne abbiamo segnalate molte: mappe, libri fotografici, modellini da costruire — ce n’è una che è diventata una sorta di Bibbia, ed è l’Atlas of Brutalist Architecture pubblicato da Phaidon.

Originariamente dato alle stampe nel 2018, è stato ripubblicato lo scorso anno in una nuova edizione, che contiene oltre 850 edifici di tutto il mondo.
Il censimento, che ha riguardato ben 102 paesi, comprende anche strutture che ormai non esistono più. Quelle ancora in piedi, sebbene disprezzate da molte persone per il loro impatto visivo prepotente, freddo, austero, quasi disumano, sono spesso a rischio, sia per le pessime condizioni in cui alcune si trovano sia per via dei piani urbanistici di molte delle città in cui sorgono. Tuttavia, il rinnovato interesse attorno al tema, oltre a farne dei soggetti o degli sfondi di tendenza per i profili Instagram, sta anche dando nuova linfa ai tanti comitati nati un po’ ovunque per salvare questi grigi monumenti di un’epoca passata, di cui l’atlante di Phaidon è probabilmente il più ricco e completo catalogo esistente.

“Atlas of Brutalist Architecture”, Phaidon, 2020
(fonte: phaidon.com)
“Atlas of Brutalist Architecture”, Phaidon, 2020
(fonte: phaidon.com)
“Atlas of Brutalist Architecture”, Phaidon, 2020
(fonte: phaidon.com)
“Atlas of Brutalist Architecture”, Phaidon, 2020
(fonte: phaidon.com)
“Atlas of Brutalist Architecture”, Phaidon, 2020
(fonte: phaidon.com)
Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.