Wish you were here, quando il fumetto sostiene la musica dal vivo

A Livorno, all’altezza della Rotonda d’Ardenza, l’artista Gabriele Milani, un giorno di febbraio, nel pieno della pandemia, ha scritto su un vecchio cartello pubblicitario: «Mi manchi come un concerto». La foto che immortala la frase è diventata subito virale e ha invaso le home dei profili social di chiunque. Per un attimo ho pensato di cedere alla tentazione della ricondivisione anche io, ma nel frattempo ero finita incastrata nei ricordi. I miei erano lontanissimi per via di anni in compagnia della depressione, ma erano nitidi, fatti della terra dell’Ippodromo di Capannelle che rimaneva sulle scarpe per giorni. Adesso che potevo tornare a calpestarla senza troppe paure, ci si era messo di mezzo un virus piuttosto insistente e non mi rimaneva altro che rigirarmi tra le mani i biglietti di eventi passati o immaginare tutti quelli a cui sarei andata in futuro, o magari nel passato: chi non sarebbe voluto essere su quel tetto di Londra nel 1969 ad ascoltare i Beatles esibirsi per l’ultima volta?

Smiths – Teatro Tendastrisce – Roma – May 14 1985 – Alessandro Baronciani
(courtesy: This Is Not A Love Song)

Una macchina del tempo è decisamente difficile da costruire, ma si può immaginare, fare visita al passato in altri modi. Magari ricreando, come hanno fatto i ragazzi di This Is Not A Love Song (o TINALS, autoproduzione editoriale diventata meritatamente celebre con le sue cassette illustrate) con il progetto Wish You Were Here

Prendete 32 concerti epocali, eventi come quello che citavo prima o i Pink Floyd a Venezia nel 1989, e immaginate che avvengano oggi. Non potendo riesumare chi non c’è più, ci potremmo far bastare senza problemi biglietti e manifesti per continuare a sognare di poter vivere quell’esperienza. A chi dare il compito di realizzarli? I ragazzi avevano che l’imbarazzo della scelta e hanno invitato a farlo 32 illustratori e illustratrici, fumettiste e fumettisti più o meno noti nel panorama italiano, da Alessandro Baronciani a Paolo Bacilieri, da Elisa Caroli a Eliana Albertini, da Testi Manifesti a Isabella Bersellini. Sono opera loro i bellissimi biglietti, dietro i quali c’è sempre una testimonianza di quel particolare concerto, e si aprono fino a diventare veri e propri manifesti. Per la location, invece, c’è da prendersi qualche minuto e scegliere un buon punto per appendere in casa il bottino. 

David Bowie – Santa Monica Civic Auditorium – Santa Monica – October 20 1972 – Marco Cazzato
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Il retro del poster di Bowie
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Franco Battiato – Teatro Greco di Segesta – Segesta (TP) – 29 luglio 2004 – Giulia Pex
(courtesy: This Is Not A Love Song)

Non c’è nessun botteghino verso il quale correre in questo caso, ma una pagina di crowdfunding su Produzioni dal Basso, dove non solo potrete entrare in crisi non sapendo quale concerto scegliere, ma aiutare 10 liveclub italiani, ai quali andrà una parte del ricavato e che vi offriranno un drink, incluso in ogni donazione. A loro volta alcune di queste realtà, tra cui compaiono il Locomotiv Club di Bologna e il Monk di Roma, hanno deciso di devolvere la cifra che riceveranno ad alcuni dei loro dipendenti, quelli senza i quali sarebbero solo quattro mura e nulla più. Anche Home Festival, music partner del progetto, è venuto a dare una mano: per ogni donazione superiore ai 50 euro, è inclusa una birra “sospesa” valida per l’edizione del festival del 2022.

A fine progetto, inoltre, uscirà una “vhs di carta”, MusicRemake – vhs 004 – Live will not tear us apart… again”, a cura di Chiara Lu, con 24 fotogrammi illustrati, liberamente ispirati ad alcuni, storici concerti.
Avete tempo fino al 30 giugno per tornare indietro nel passato, con la speranza che potremo tornare presto a dire «io c’ero».

Beyoncé + JAY-Z – Stadio San Siro – Milano – July 6 2018 – Isabella Bersellini
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Jimi Hendrix – Teatro Brancaccio – Roma – May 24-251968 – Stefano Zattera
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Nirvana – Bloom – Mezzago (MI) – November 17 1991 – Nova
(courtesy: This Is Not A Love Song)
CCCP Fedeli alla linea – Festa dell’Unitа – Parco delle Cascine – Firenze – 16 settembre 1986 – TommyGun
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Il retro del poster dei CCCP
(courtesy: This Is Not A Love Song)

«Il concerto fu sospeso per rissa, ma poi riprese. Ferretti, bestemmiando Dio, sottolineò che i CCCP non erano delle rockstar, invitandoci ad andare in America ché lì era pieno di rockstar.»
Nando (concerto dei CCCP a Firenze)

Descendents – First Avenue – Minneapolis (MN) – USA – July 13 1987 – Officina Infernale
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Beatles – Rooftop Concert – London – January 30 1969 – Samuele Canestrari
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Boards Of Canada – All Tomorrow’s Parties – Pontins Camber Sands Holiday Park – England – April 7 2001 – Eliana Albertini
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Clash – Piazza Maggiore – Bologna – June 1 1980 – Enrico Pantani
(courtesy: This Is Not A Love Song)

«Piazza Maggiore gremita. Tensione crescente. Politica. Musica. Contestazione. Punk. Duri e puri. Venduti. Sinistra. Borchie. Giubbotti di pelle. Sputi e lancio di bottiglie. Il batterista dei Clash che arriva in clamoroso ritardo. Tutto indimenticabile e formativo per il giovane me di quegli anni».
D. V (concerto dei Clash a Bologna)

Pink Floyd – Piazza San Marco – Venezia – July 15 1989 Antonio Pronostico
(courtesy: This Is Not A Love Song)
De André + PFM – Teatro Tenda – Firenze – 13 gennaio 1979 – A m’l rum da me
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Nico – Teatro Ciak – Milano – April 21 1986 – Paolo Bacilieri
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Velvet Underground – The Factory – New York (NY) – USA – January 31 1966 – Ilarius
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Bikini Kill – Capitol Theater – Olympia (WA) – USA – December 9 1994 – Elisa Caroli
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Pearl Jam – Forum di Assago – Milano – November 13 1996 – Alberto Becherini
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Elio e le storie tese – Teatro Rosmini – Borgomanero – September 25 1987 – Testi Manifesti
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Ozzy Osbourne – Veterans memorial Auditorium – Des Moines (IA) – USA – January 20 1982 – Hurricane Ivan
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Queen – Wembley Stadium – London – July 11 1986 – Davide Bart Salvemini
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Bob Marley – Stadio San Siro – Milano – June 27 1980 – ADA
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Bob Dylan – Carnegie Hall – New York – USA – October 26 1963 – Accappatoio
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Britney Spears – Fila Forum di Assago – Milano – October 24 2000 – Tutte le mele di Annie
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Cure – Le Zénith – Paris – France – October 19 1992 – Serena Schinaia
(courtesy: This Is Not A Love Song)
Ramones – Rainbow Theatre – London – UK – December 31 1977 – Vitt Moretta
(courtesy: This Is Not A Love Song)
contributor
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.