Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

The Typewriter: un “supercut” delle scene cinematografiche con la macchina per scrivere

A livello di gestualità, ritmo e sonorità, probabilmente non esiste niente di più efficace — per rappresentare in un film l’atto della scrittura — che usare una macchina per scrivere. Il foglio che entra o esce dal rullo; i tic tic tac tac dei tasti, tanto più rumoroso quanto più le emozioni e la furia creativa si trasferiscono su carta; il carrello che arriva in fondo e riparte col suono del campanellino, ding.
E ovviamente al cinema di macchine per scrivere se ne sono viste tante, come semplici elementi di scena o in “ruoli” cruciali — vedi Shining, Misery non deve morire o Il pasto nudo, dove diventa una scarafaggione.

Ariel Avissar — studente presso la Steve Tisch School of Film and Television dell’Università di Tel Aviv — alla macchina per scrivere sul grande schermo ha dedicato un “supercut”1 molto affascinante.

Si riconoscono scene di film come Quarto potere, Viale del tramonto, Arancia meccanica, i già citati Shining, Misery non deve morire e Il pasto nudo. E poi Ruby Sparks, Barton Fink, Mister Hula Hoop, Zodiac, I’m not there, Tutti gli uomini del presidente, The Post, Il ladro di orchidee, Getta la mamma dal treno, Good Night, and Good Luck, Vero come la finzione, Hard Night, Espiazione, La vera storia di Dalton Trumbo, Una serie di sfortunati eventi, L’ora più bella e probabilmente altre pellicole che non siamo riusciti a riconoscere.
Ci sono pure un paio di scene prese dalla tv: Mad Men e uno dei mitici titoli di chiusura della Stephen J. Cannell Productions.

Per dare ritmo visivo e sonoro a tutto il supercut, Avissar ha scelto il tema musicale probabilmente più azzeccato in assoluto, l’ormai leggendario The Typewriter del compositore americano Leroy Anderson, che tra gli strumenti prevede un’orchestra e, appunto, una macchina per scrivere (eccone una versione suonata dal vivo).

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.