fbpx

Firenze com’è: la riscoperta di una città

Un pomeriggio assolato d’autunno del 1910, un ragazzo si siede in una panchina di Piazza Santa Croce a Firenze: conosce bene quella piazza, ma per la prima volta la vede deserta. Ne coglie solo in quel momento gli enormi spazi e ne ha una percezione difficilmente spiegabile a parole. Scrisse diversi anni dopo, «ebbi la strana impressione di guardare quelle cose per la prima volta». Quel ragazzo si chiamava Giorgio De Chirico e per lui, quel giorno, fu il momento esatto in cui nacque la Pittura Metafisica.

FOTO 01
Piazza di Santa Croce.

Firenze senza il consueto flusso turistico e con la chiusura di molte delle attività sembra essere tornata la città “sospesa” ed “enigmatica” di cui parlava l’artista: sembra essersi riappropriata di spazi e volumi di cui gli abitanti hanno sempre saputo ma che facevano fatica a vedere.
È in questo contesto, durante il primo lockdown, che il fotografo Lapo Baraldi ha voluto fotografare una città svuotata, nuova e allo stesso tempo antica, capace più che in altri momenti di essere non solo spazio urbano ma soprattutto “luogo del pensiero”.

FOTO 02
Piazza della SS. Annunziata / Loggia del Porcellino.

Il suo è stato un percorso di ricerca, partendo dall’ipotesi che quella situazione di vuoto e silenzio fosse la più vicina all’ideale di architetti come Vasari, Brunelleschi, Giotto, Ghiberti, Michelangelo e molti altri pensatori ed artisti che hanno pensato e progettato questa città.

FOTO 03
Lungarno Serristori / Piazza di San Lorenzo.

Tutte le foto sono state realizzate durante le ore pomeridiane di aprile, quando il sole è più forte e riesce quindi a definire ombre nette e forme assolute: quando Firenze assomiglia a quella città ideale rappresentata nei dipinti rinascimentali. Anche per questo motivo il fotografo ha deciso di utilizzare tecniche fotografiche tradizionali, il negativo bianco e nero di medio formato, così da realizzare immagini fuori dal tempo, cronologicamente indefinibili: non è un caso che diversi tagli e inquadrature delle foto realizzate possono essere ritrovate oggi nell’Archivio Storico Alinari di Santa Maria Novella. Non si vuole scoprire una nuova Firenze, ma una città che c’è sempre stata e doveva solo venire fuori.

FOTO 04
Corridoio Vasariano.

Queste vedute architettoniche sono diventate un libro, Firenze com’è, edito da Forma Edizioni. Il progetto grafico è stato curato da Silvia Agozzino di Studio MUTTNIK. La pubblicazione è introdotta da un testo di Elena Ronchi: una breve storia, una riflessione, sul bisogno umano di fermarsi per poter vivere e osservare le città, contemplarla, godere della sua bellezza, della necessità di farla diventare un po’ più nostra.

FOTO 05
Localizzazione dei luoghi.

La singolarità di questo progetto non è quella di raccontare le inevitabili difficoltà del lockdown, ma è il tentativo di cogliere l’occasione per poter guardare con occhi nuovi una città riscoperta, svelata: più o meno quello che accadde a quel ragazzo seduto su una panchina di Santa Croce, un po’ di tempo fa.

FOTO 06
Piazza del Duomo.
FOTO 07
Piazza Santo Spirito.
FOTO 08
Via degli Avelli.
FOTO 09
Le fotografie possono essere stampate a richiesta in camera oscura su carta baritata.
Per info: lapobaraldi.com/shop
LB 02
LB 15