Partecipa al #BOOKTOBER, un'iniziativa di Frizzifrizzi da un'idea di Davide Calì

A Ondate, la vita e il surf si intrecciano nel graphic novel di AJ Dungo

AJ mette le cose in chiaro fin dalle prime pagine: questo libro, parliamo di A ondate, è dedicato a Kristen, ma soprattutto non è scritto da un gran conoscitore del surf, piuttosto da un turista troppo zelante che ha qualcosa in comune con i personaggi dello sport. L’ossessione per cavalcare le onde, un profondo rispetto per l’oceano, un cuore spezzato.

Si capisce perciò subito che Bao non ha pubblicato un graphic novel che vuole raccontare in modo alternativo la storia del surf, piuttosto dare voce a quella di AJ Dungo, a quella di due persone che si amano e che come tutte perciò si lasciano qualcosa addosso l’uno dell’altra e, quando uno di loro va via troppo presto, quelle cose rimangono.

AJ Dungo, “A Ondate”, Bao Publishing, luglio 2020 (courtesy: Bao Publishing)
AJ Dungo, “A Ondate”, Bao Publishing, luglio 2020 (courtesy: Bao Publishing)

AJ vive a Los Angeles, fa l’illustratore e da piccolo aveva paura dell’acqua. Poi incontra Kristen e la paura viene spinta fuori dalla sua vita da questa ragazza appassionata di surf, di vita, di attimi da assaporare. Ma il loro è uno scambio a tempo determinato. Lei ha il cancro. Probabilmente presto dovrà abbassare le armi, è una guerra che non vincerà. Ad AJ e Kristen rimangono gli anni passati sulle tavole a cavalcare onde, i periodi in cui è lei a guardare lui perché troppo debole, le giornate condivise con gli amici e parenti. Poi lei se ne va, sapendo che è stato tutto comunque bello così, anche se finito troppo presto. Adesso c’è solo il vuoto, che arriva a ondate, e come le onde va e viene.

Ad AJ resta una nuova passione e un cuore in mille pezzi e allora nel libro ringrazia il surf per avergli dato quello spicchio di vita assieme. Fin dall’inizio alcuni capitoli sono dedicati allo sport, prova a narrarne i fatti salienti, vuole che gli altri capiscano da dove è iniziato tutto. Parla di equilibri distrutti dall’arrivo degli occidentali, del turismo che ha snaturato ogni cosa, di Tom Blake, uno dei più celebri surfisti nella storia di questo sport. Racconta per far sì che nulla di ciò che ha vissuto sparisca, perché Kristen adesso abbia una nuova forma, quella bidimensionale, su carta, dai colori blu, come l’acqua, come le onde, ed è difficile non immergersi in una storia così.

AJ Dungo, “A Ondate”, Bao Publishing, luglio 2020 (courtesy: Bao Publishing)
AJ Dungo, “A Ondate”, Bao Publishing, luglio 2020 (courtesy: Bao Publishing)
AJ Dungo, “A Ondate”, Bao Publishing, luglio 2020 (courtesy: Bao Publishing)
AJ Dungo, “A Ondate”, Bao Publishing, luglio 2020 (courtesy: Bao Publishing)
AJ Dungo, “A Ondate”, Bao Publishing, luglio 2020 (courtesy: Bao Publishing)
Altre storie
Petites Luxures: le storie intime e piccanti illustrate da Simon Frankart