Una medaglia per le persone “fuori dal comune”

Nei mesi scorsi tante persone, malgrado le limitazioni imposte dalla quarantena, hanno continuato a lavorare nell’ambito culturale, perché la scuola, la lettura e la cultura non si fermassero, soffocate dalle stesse norme che dovevano aiutarci a sopravvivere.

Ci sono stati insegnanti che hanno continuato a fare lezione a distanza, bibliotecari che hanno continuato a fare letture, librai che hanno consegnato libri a domicilio. 
E poi ci sono le mamme e i papà che hanno aiutato i bambini a seguire le lezioni da casa (e in tanti casi hanno rinunciato al lavoro per poterlo fare) e tanti volontari che hanno continuato a dare il loro contributo in ambito culturale, senza dimenticare gli artisti che hanno continuato a lavorare per sé e per gli altri.

Martina Tonello – Bibliotecaria Fuori dal Comune (courtesy: Martina Tonello)
Alice Piaggio – Bibliotecario Fuori dal Comune (courtesy: Alice Piaggio)
Alice Coppini – Libraia Fuori dal Comune (courtesy: Alice Coppini)
Raffaella Bolaffio – Libraio Fuori dal Comune (courtesy: Raffaella Bolaffio)
Agnese Innocente – Prof. Fuori dal Comune (courtesy: Agnese Innocente)
Marianna Balducci – Maestra Fuori dal Comune (courtesy: Marianna Balducci)
Irene Penazzi – Maestro Fuori dal Comune (courtesy: Irene Penazzi)
Andrea Dalla Fontana – Studente e Studentessa Fuori dal Comune (courtesy: Andrea Dalla Fontana)
Roberta Terracchio – Mamma Fuori dal Comune (courtesy: Roberta Terracchio)
Gabriele Pino – Papà Fuori dal Comune (courtesy: Gabriele Pino)
Davide Calì – Lavoratrice Fuori dal Comune (courtesy: Davide Calì)
Davide Calì – Lavoratore Fuori dal Comune (courtesy: Davide Calì)
Yvonne Campedel – Artista Fuori dal Comune (courtesy: Yvonne Campedel)
Anna Pirolli – Medico Fuori dal Comune (courtesy: Anna Pirolli)
Marco Viale – Volontario Fuori dal Comune (courtesy: Marco Viale)

Perché delle medaglie?

A tutte queste persone, che hanno lavorato con passione, perché la cultura e i libri non smettessero di far sentire la propria voce, nessuna istituzione dirà mai grazie
Allora ho pensato che potremmo farlo noi creativi. Ho chiesto a un po’ di amiche illustratrici e amici illustratori di disegnare delle medaglie. Ho incluso anche una medaglia per i medici che ci hanno curato e una per i lavoratori più in generale, che hanno continuato a trasportare merci, consegnare pacchi, aprire negozi, stare alla cassa dei supermercati.
Simone Sbarbati, con la consueta disponibilità che riserva alle mie idee balenghe, si è offerto di ospitare le medaglie sulle pagine di Frizzifrizzi.

Perché delle medaglie?

A tutte queste persone, che hanno lavorato con passione, perché la cultura e i libri non smettessero di far sentire la propria voce, nessuna istituzione dirà mai grazie
Allora ho pensato che potremmo farlo noi creativi. Ho chiesto a un po’ di amiche illustratrici e amici illustratori di disegnare delle medaglie. Ho incluso anche una medaglia per i medici che ci hanno curato e una per i lavoratori più in generale, che hanno continuato a trasportare merci, consegnare pacchi, aprire negozi, stare alla cassa dei supermercati.
Simone Sbarbati, con la consueta disponibilità che riserva alle mie idee balenghe, si è offerto di ospitare le medaglie sulle pagine di Frizzifrizzi.

Come funziona?

Se pensate di appartenere a una delle categorie fuori dal comune, potete stampare la medaglia su cartoncino, ritagliarla e appuntarvela al petto. Ci potete sfilare in casa davanti allo specchio con passo marziale oppure uscirci a fare la spesa (mi raccomando, il passo marziale). 

Se conoscete qualcuno che merita una medaglia, avete la delega fin da ora per stampare quella che ritenete più opportuna, ritagliarla, e appuntarla al petto della persona meritoria. 
Se la persona alla quale vorreste dare una medaglia è lontana postatela sui social, perché sappia di aver ricevuto una onorificenza.

Mi raccomando, dopo, marciate con passo marziale.

Scarica le medaglie

Cliccando sul bottone puoi fare il download.
Si tratta di un file .zip che contiene le medaglie sia in versione .jpg che .pdf

Una piccola cosa

Lo so, è una piccola cosa, ma è qualcosa. Un modo per dirci grazie a vicenda e anche per dirci grazie da soli, se nessuno lo ha fatto finora. Mentre scrivo, il 31 luglio è la data di fine dello stato di emergenza. Ma il 29 è prevista una votazione alla Camera per il suo rinnovo fino a ottobre.
In ogni caso credo che il 31 luglio vada celebrato, anche con delle medaglie di carta, perché rappresenta la fine di un periodo.

Non sappiamo cosa succederà il prossimo autunno. Forse tutto tornerà tranquillo e forse torneranno le chiusure. In ogni caso, guardare le medaglie ci farà ricordare che se ce l’abbiamo fatta la prima volta, ce la faremo anche la seconda.

Una piccola cosa

Lo so, è una piccola cosa, ma è qualcosa. Un modo per dirci grazie a vicenda e anche per dirci grazie da soli, se nessuno lo ha fatto finora. Mentre scrivo, il 31 luglio è la data di fine dello stato di emergenza. Ma il 29 è prevista una votazione alla Camera per il suo rinnovo fino a ottobre.
In ogni caso credo che il 31 luglio vada celebrato, anche con delle medaglie di carta, perché rappresenta la fine di un periodo.

Non sappiamo cosa succederà il prossimo autunno. Forse tutto tornerà tranquillo e forse torneranno le chiusure. In ogni caso, guardare le medaglie ci farà ricordare che se ce l’abbiamo fatta la prima volta, ce la faremo anche la seconda.

Ringraziamenti

Prima di chiudere, vorrei ringraziare Gérard Picot e tutta la sua tribù, come la chiama lui.

Gérard è l’ideatore e direttore del salone del libro più originale e folle di Francia, La Fête du Livre Jeunesse de Villeurbanne (alla quale vale la pena di essere invitati solo per poter leggere le lettere dell’organizzazione), Geneviève è una scultrice e Pauline è attrice e performer (attualmente un suo spettacolo su Ian Curtis gira per i teatri francesi).

Mesi fa, in pieno lockdown, il popolo della rete gli ha conferito alcune onorificenze al valor civile per il suo impegno culturale anche durante il periodo di confinamento, onorificenze con cui tutta la famiglia ha sfilato in casa, molto orgogliosa. L’idea per queste medaglie mi è venuta guardando le sue foto che posto qui.

Ringrazio inoltre, tutti gli illustratori che hanno aderito all’iniziativa e che cito in rigoroso ordine alfabetico: Marianna Balducci, Raffaella Bolaffio, Yvonne Campedel, Alice Coppini, Andrea Dalla Fontana, Agnese Innocente, Irene Penazzi, Alice Piaggio, Gabriele Pino, Anna Pirolli, Roberta Terracchio, Martina Tonello e Marco Viale.

Non sono convinto che andrà tutto bene. Ma penso che con un po’ di impegno, comunque vada, ce la faremo.

Buona estate a tutti.
(E mi raccomando, il passo marziale.)

Le mie personali medaglie sono:

Libraia Fuori dal Comune
a Grazia Raimondo e Marta Bracciale, della libreria Limerick di Padova, in rappresentanza di tutte le libraie e librai che non conosco personalmente, che hanno continuato a fare consegne a domicilio durante il lockdown (sempre nel rispetto delle direttive ministeriali e regionali). 

Libraria e Libraio Fuori dal Comune
a Chiara Montani e con lei anche: Silvia Neri, Alessandra Starace, Germana Paraboschi, Fausto Boccati e Fulvia Grassi della Libreria dei Ragazzi di Brescia e Milano per aver fatto letture video per i bambini durante tutto il periodo del lockdown e anche dopo.
Con loro anche l’attrice Costanza Favarelli che si è prestata alle letture.

Artista Fuori dal Comune
a Zerocalcare e Leo Ortolani per averci tenuto compagnia, nelle settimane del lockdown, e averci fatto ridere, malgrado tutto.
Un mio ringraziamento speciale va alle americane Image Comics e Marvel Comics Group per aver messo a disposizione i loro fumetti online gratuitamente nei mesi di chiusura. L’ho apprezzato moltissimo.

Le mie personali medaglie sono:

Libraia Fuori dal Comune
a Grazia Raimondo e Marta Bracciale, della libreria Limerick di Padova, in rappresentanza di tutte le libraie e librai che non conosco personalmente, che hanno continuato a fare consegne a domicilio durante il lockdown (sempre nel rispetto delle direttive ministeriali e regionali). 

Libraria e Libraio Fuori dal Comune
a Chiara Montani e con lei anche: Silvia Neri, Alessandra Starace, Germana Paraboschi, Fausto Boccati e Fulvia Grassi della Libreria dei Ragazzi di Brescia e Milano per aver fatto letture video per i bambini durante tutto il periodo del lockdown e anche dopo.
Con loro anche l’attrice Costanza Favarelli che si è prestata alle letture.

Artista Fuori dal Comune
a Zerocalcare e Leo Ortolani per averci tenuto compagnia, nelle settimane del lockdown, e averci fatto ridere, malgrado tutto.
Un mio ringraziamento speciale va alle americane Image Comics e Marvel Comics Group per aver messo a disposizione i loro fumetti online gratuitamente nei mesi di chiusura. L’ho apprezzato moltissimo.

editorialista

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Quick Fix: basta una pillola a risolvere tutto?