BoreDomDomDom: la nuova serie di video di Hervé Tullet

Hervé Tullet torna con un’altra bellissima sorpresa, dopo l’Expo ideale della quale avevamo parlato qui e che sta riscuotendo un grandissimo successo. Non soddisfatto del suo contributo affinché le nostre giornate fossero meno ripetitive, ci viene incontro con un altro coloratissimo regalo.  

In cosa consiste? Si tratta di una serie di episodi che prende il nome di BoreDomDomDom, gioco di parole legato al termine boredom, noia, che già allungato in quelle tre sillabe congiunte risuona più dolce e giocoso di quanto pensiamo possa essere in realtà.  
Eppure già in passato abbiamo parlato della noia come di una grande bacino prolifico dal quale attingono la nostra creatività e la nostra immaginazione. Uno stato di calma apparente che si rivela particolarmente fecondo. 
È il medesimo sguardo che ci offre Hervé Tullet e lo offre in una maniera del tutto personale, con un linguaggio che lo contraddistingue: pochissime parole, molti sbuffi, l’uso frequente della fast motion ed il suo viso iconico, che sembra — esso stesso — il risultato di un divertito disegnatore. 

Quello di Tullet è uno sguardo tutto proiettato all’interno della dimensione della noia, ma già al di là di essa nel momento in cui impugna un paio di forbici, o un pennarello, o si intinge le mani nel colore e le fa dialogare su di un foglio bianco.

Quello che egli ci insegna è stata anche la grande lezione di Munari.
I grandi maestri ci offrono la loro visione su quanto basti davvero poco per esprimere la propria creatività, purché tutto parta da una grande immaginazione. Mettere in moto l’una finirà per rinsaldare l’altra, generando un meccanismo virtuoso importantissimo. Evviva Tullet allora e seguiamo la sua serie!

Le puntate possono essere viste sul suo canale YouTube.
E ancora una volta Tullet ci incoraggia a inviare i nostri disegni o a scrivergli presso: [email protected].

contributor

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
0% food: cibo per androidi