fbpx
herve tullet call

Organizzare una mostra in casa: l’invito di Hervé Tullet

Tantissime in questi giorni sono le attività che scrittori, autori, artisti, bibliotecari, librai, stanno organizzando per tenere compagnia a noi tutti ma soprattutto ai più piccoli, e per continuare a stimolare creatività ed immaginazione. Accanto ovviamente alle lezioni a distanza dei docenti che devono misurarsi con questa nuova dimensione complicata e sicuramente meno pervasiva.

Tutti lo stanno facendo la loro parte con lezioni a distanza, letture, laboratori, danze, lezioni di yoga. Enti e Istituzioni stanno mettendo a disposizione i propri archivi, ma quello che colpisce di più è il contatto umano e l’empatia che stanno circolando lungo le fitte linee della rete. La volontà di stabilire un contatto diretto, sebbene a distanza. La fruizione di un tempo condiviso e socializzante, per sentirci meno soli, per continuare a coprire chilometri attraverso parole, gesti, ritagli di carta, colori e tutto quello che può sviluppare e foraggiare la possibilità di abitare spazi di estrema libertà immaginifica. Spazi di libertà che non ci sono concessi, per ora, nel nostro quotidiano ma per i quali ci si tiene pronti e vivi e curiosi.

herve tullet call

Potrei parlare di moltissime attività che vengono portate avanti, ma non basterebbe un articolo solo per citarle tutte, ho deciso quindi di concentrarmi su un dono che ci ha fatto un grande autore come Hervé Tullet, che fra le altre cose ha creato una call che mi ha chiamato in causa in maniera diretta.
La sua proposta è quella di creare all’interno della propria casa una Gigantesca Expo Ideale.
Dove collocarla, direte voi? Non è semplice trovare il posto per un museo.
Niente di più facile, in realtà: «sulle finestre della sala da pranzo, come fosse un libro… o anche in miniatura in una scatola di cartone».

I tutorial di Tullet sono accessibili a tutti coloro che lo desiderano.
Per ricevere le istruzioni e per realizzare la vostra esposizione ideale a casa vostra, scrivete all’indirizzo [email protected].

contributor

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Imaginary Shops 00
Imaginary Shops: le scatole di negozi immaginari nella tesi di laurea di Elisabetta Vedovato