Un account Instagram sulle sculture delle rotatorie

Pur se qualche esempio esisteva già fin dal XVIII secolo, le moderne rotatorie hanno iniziato ad essere sistematicamente introdotte nei progetti urbanistici solo dagli anni ’60, prima nel Regno Unito e poi nel resto del mondo. In Italia arrivarono solo nel 1989, con Lecco a fare da apripista, per poi diffondersi a macchia d’olio soprattutto tra la fine degli anni ’90 e gli inizi del nuovo secolo (ricordo come, quand’ero bambino, le rotatorie fossero ancora elementi esotici: quando in famiglia vedemmo al cinema Ma guarda un po’ ‘sti americani, uscito nel 1986, ridemmo tantissimo per questa scena e provammo a ripeterla svariate volte quando andavamo in vacanza).

Da allora, i “rondò” spuntano come funghi, e con essi mille idee più o meno sensate su come utilizzare lo spazio interno alla rotonda: praticelli, aiuole curate, cartelloni pubblicitari e, ovviamente, sculture. La scultura — in quanto rappresentazione tridimensionale — si presta perfettamente al concetto di rotatoria, e le amministrazioni locali negli anni si sono sbizzarrite tra commesse e concorsi di idee, fornendo ai quotidiani di provincia molto materiale, tra polemiche, bizzarrie o grandi nomi dell’arte contemporanea coinvolti in progetti a volte costosissimi.

(fonte: instagram.com/roundabout_sculpture)

C’è di tutto, in effetti, in quelle isole in mezzo al traffico: capolavori figurativi o astratti, opere di indiscutibile bruttezza, pezzi incompresibili, elementi che richiamano la vocazione turistica o industriale di una zona, monumenti alla memoria.

Un account Instagram, Roundabout Sculpture, sta raccogliendo quelli trovati su Google Street View e il catalogo — che nel momento in cui scrivo conta quasi 300 esemplari — è piuttosto affascinante.

Nato a settembre 2019, il progetto è opera della fotografa e disegnatrice cinese Xiao Yang, che vive in Spagna ed è appassionata di architettura.

(fonte: instagram.com/roundabout_sculpture)
(fonte: instagram.com/roundabout_sculpture)
(fonte: instagram.com/roundabout_sculpture)
(fonte: instagram.com/roundabout_sculpture)

[via]

Altre storie
I blocchi al 100% sostenibili di Hato Press