Lord of the Rings Magazine: disegni e illustrazioni ispirate al capolavoro di Tolkien

Chi dovesse passare per il cortile di casa mia, tra le 21 e le 21,30, potrebbe sentire, quasi ogni sera, la voce di elfi e hobbit, ascoltare le canzoni intonate nella Lingua Corrente della Terra di Mezzo, i pazzi versi di Tom Bombadil, i brontolii di Gimli, i rimproveri di Gandalf a Pipino… Siamo infatti nel bel mezzo della lettura de Il Signore degli Anelli: poche pagine alla volta, giorno dopo giorno (abbiamo da poco cominciato il Libro IV), la nostra è un’esperienza collettiva. Io leggo ad alta voce — divertendomi un mondo a interpretare tutti i personaggi — e le mie figlie ascoltano mentre giocano o sfogliano altri libri oppure, semplicemente, se ne stanno sdraiate per terra a immaginare, e intanto pezzetti di storia finiscono anche nell’altra stanza, dove Ethel si rilassa nella penombra.

Questa è la seconda volta che lo facciamo. La prima fu qualche anno fa: mia figlia Sveva era ancora nel lettino con le sbarre e credo che non capisse nulla della trama ma era evidentemente divertita dai tanti cambi di voce. Andammo avanti per mesi, esattamente come adesso, solo che ora Sveva ha 10 anni e il capolavoro di Tolkien è ormai entrato nel suo immaginario, come pure, in parte, in quello della sorellina Saba, 4 anni, che di tanto in tanto, quando si passeggia per strada, mi chiede di farle Aragorn (figlio di Arathorn, precisa sempre) o Frodo (figlio di Brodo, dice lei scherzando), ma soprattutto Gandalf, che è indubbiamente il personaggio che amo di più interpretare.

Chris Harnan, Charlotte Mei, “Lord of the Rings Magazine. Issue 1” (fonte: charlottemei.com)

L’universo creato da Tolkien — lo sanno anche i sassi — è alla base di gran parte della letteratura fantasy degli ultimi sessant’anni, e continua a ispirare generazioni di scrittori, di bambini (da quando abbiamo ricominciato, i temi di Sveva sono pieni di aggettivi e metafore, e riempie i suoi disegni di mappe, che poi mostra alla sorella e chissà dove arrivano con le loro avventure immaginarie) ma anche di artisti visivi, come dimostra Lord of the Rings Magazine, un progetto a quattro mani nato dall’idea di due illustratori britannici, Charlotte Mei e Chris Harnan.

Entrambi tolkeniani appassionati, Mei e Harnan sono anni che, parallelamente alla loro attività professionale, disegnano cose ispirate alla Terra di Mezzo e alla fine hanno deciso di realizzare delle nuove opere, tra dipinti e disegni, raccogliendole in una pubblicazione di 40 pagine, a metà tra libro e fanzine ma che probabilmente — come Charlotte Mei ha raccontato a It’s Nice That — mira a diventare il primo di una serie di volumi che prossimamente accetterà anche opere di altri artisti.

Chris Harnan, Charlotte Mei, “Lord of the Rings Magazine. Issue 1” (fonte: charlottemei.com)
Chris Harnan, Charlotte Mei, “Lord of the Rings Magazine. Issue 1” (fonte: charlottemei.com)
Chris Harnan, Charlotte Mei, “Lord of the Rings Magazine. Issue 1” (fonte: charlottemei.com)
Altre storie
Adelchi Galloni e l’ossessione per il disegno