“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018 (foto: Frizzifrizzi)

Un libro celebra i 50 anni di attività tipografica della famiglia Antiga e il progetto Tipoteca Italiana

«Quando si varca la soglia di Tipoteca, si entra nella fabbrica dei libri, una fabbrica silente.
Le macchine da stampa sono silenziose, ma non morte o inanimate. Sono perfettamente in ordine, lucide, ben oliate, sembrano in attesa di riprendere il lavoro»

Tra le tante voci dal passato e dal presente che si rincorrono in un libro denso di immagini, storie, informazioni e tesori che escono fuori dai cassetti tipografici così come da quelli dei ricordi, ho scelto le parole di Arnaldo Loner — avvocato e bibliofilo altoatesino — per sintetizzare quella che è l’atmosfera che pervade Tipoteca. Una storia italiana, un corposo libro che celebra i cinquant’anni di attività delle Grafiche Antiga, tra le pochissime realtà a livello mondiale capaci di mettere assieme, in un settore complesso come la tipografia, passato, presente e futuro.

“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)

Se in ambito tipografico l’avvento di nuove tecnologie ha più volte rivoluzionato il modo di lavorare, costringendo le aziende a rinnovarsi o a scomparire, quella dei fratelli Antiga è una storia del tutto sui generis, in grado di stare al passo coi tempi senza mai sacrificare la qualità e, soprattutto, senza gettare alle ortiche il passato.
Franco, Silvio, Mario, Carlo e Maria Antonietta Antiga — che comprarono la loro prima, piccola macchina da stampa nel ’68, avviando, alle porte di Treviso, un’attività che da allora non si è mai fermata — hanno infatti deciso, nel 1995, di dar vita a una fondazione, Tipoteca Italiana, che è oggi il più importante museo italiano sull’arte della stampa e della tipografia.

«Noi che questa storia l’avevamo vissuta intensamente», raccontano i fratelli Antiga nelle prime pagine del libro, «non potevamo assistere indifferenti alla dispersione del sapere e dell’ingegno degli artisti artigiani che ci avevano preceduto». E la Tipoteca, lungi dall’essere solo una nostalgica rassegna di macchinari e strumenti, è un organismo vivo, a cui è affidato il compito di mostrare e insegnare ciò che è stato per cominciare a progettare ciò che sarà: il futuro della tipografia.

“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)

Per questo le parole di Loner — tra i tanti amici della famiglia Antiga e frequentatori della Tipoteca Italiana — mi sembrano adatte a rappresentare un luogo come Tipoteca. L’immagine di una fabbrica (quindi un tempio del fare) che è però immersa nel silenzio sembra quasi un ossimoro. Ma è in realtà la fotografia di un istante: un momento di transizione in cui pare di sentire ancora la eco delle macchine che hanno appena smesso di funzionare e ci si prepara a una nuova fase, un nuovo cammino.

Come racconta il grande incisore e tipografo Lucio Passerini nel testo introduttivo di Tipoteca. Una storia italiana, quella dei fratelli Antiga è stata un’intuizione in anticipo sui tempi. La prima scintilla che ha poi portato alla nascita di Tipoteca è arrivata nel ’92, ben prima della grande ondata di interesse attorno alle tecniche di stampa tradizionali che oggi stiamo vivendo.

E di quell’interesse il libro è una summa, un’incarnazione in forma di un pesante tomo di 320 pagine che attraverso la storia di una famiglia, di un’impresa e di un museo racconta la storia della tipografia, delle macchine, delle tecniche, dei pionieri, dei progettisti, mostrando i “tesori d’archivio” — i caratteri in legno, quelli in piombo, le pagine dei libri, le riviste — e raccogliendo le testimonianze di pesi massimi del settore e di appassionati come appunto Passerini e Loner, e poi James Clough, Cesare De Michelis, Jost Hochuli, Alan Kitching, Mathieu Lommen, Bill e Jim Moran, James Mosley, Erik Spiekermann, Enrico Tallone,Alberto Vigevani e Sergio Polano.

“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)

Lo stesso libro è sia un atto d’amore per la tipografia che la messa in pratica di tutto ciò di cui si parla nelle sue stesse pagine. Progettato dal designer britannico Simon Esterson e stampato ovviamente “in casa” dalle Grafiche Antiga — che è anche editore con il marchio Antiga Edizioni —, è composto da molti tipi di carta, e realizzato con differenti tecniche di stampa, dalla offset alla letterpress (si sente benissimo passando la mano sopra alle lettere), utilizzando anche alcuni tra i tantissimi caratteri conservati in Tipoteca. Verso la fine c’è addirittura un capitolo che fa vedere e spiega tutte le fasi del lavoro che c’è stato dietro.

Le bellissime foto di Claudio Rocci rendono il volume un vero e proprio gioiello, un prezioso oggetto del desiderio per tutti gli appassionati di tipografia.
A proposito di foto, il volume si apre e si chiude con due ritratti di famiglia. All’inizio c’è la famiglia “di sangue”, quella dei fratelli Antiga, in una vecchia immagine in bianco e nero. Alla fine c’è la famiglia allargata di Tipoteca Italiana, con Silvio Antiga, Maria Antonietta Antiga, Michela Antiga, Sandro Berra, Daniele Facchin, Leonardo Facchin e Lucio Botteselle. Quando, tra cinquant’anni, qualcuno forse scatterà un’altra foto, i volti saranno altri, ma porteranno avanti la medesima storia, con lo stesso, immutato amore che oggi esce fuori, ben evidente, da questo libro.

Tipoteca. Una storia italiana si può acquistare presso il museo ma anche online.

“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
“Tipoteca. Una storia italiana”, Antiga Edizioni, novembre 2018
(foto: Frizzifrizzi)
Altre storie
Tamo: intervista a Daniela Iride Murgia