fbpx

Save the date | Paw · Chew · Go: due giorni, a Milano, per sporcarsi le mani

01  PAW CHEW GO 2018
(courtesy: Paw · Chew · Go)

Matite saranno spuntate, tavoli saranno sporcati, gomme verranno polverizzate da chi ripensa e ricomincia, ripensa e ricomincia. Pennelli affilati, lettere strapazzate, facce dipinte, macchine del tempo pronte a partire, sguardi estasiati, cuori sciolti dall’amore. E mani. Tante mani. Mani inzaccherate, mani contente e mani con contante — a riempire borse di libri, libretti, libriccini e libracci che altri mani avranno già sfogliato.

Così — tra il ricordo affettuoso delle edizioni passate e l’aspettativa piena di desiderio per quella che verrà — immagino il prossimo fine settimana milanese che, per quanto mi riguarda, sarà all’insegna di Paw · Chew · Go, la mostra mercato di illustrazione nata tra le mura del circolo ARCI L’Impegno dall’idea di un gruppo di amici, poi lievitata, negli ultimissimi anni, fino a riempire gli enormi spazi di BASE Milano.

Sarah Mazzetti per PAW CHEW GO Festival
illustrazione di Sarah Mazzetti
(courtesy: Paw · Chew · Go)

Paciugare, ormai lo sanno anche i non-milanesi, è un pastrocchiare che implica il rimboccarsi le maniche perché — a prescindere dal risultato — ci sarà comunque da sporcarsi. I paciugatori per eccellenza sono i bambini, che si immergono fino al collo, talvolta letteralmente (e poi vai di lavatrice a 90°) in quel che fanno. Paciugare per sperimentare. Paciugare per capire come funziona. Paciugare, semplicemente, per fare. Un fare che richiede la completa partecipazione di mente e corpo. Paciugare, dunque, come concetto-guida per chi svolge quel mestiere misterioso e meraviglioso, sopravvalutato quanto sottovalutato, che è quello del creativo.

Fedele al proprio nome — Paw · Chew · Go, che si legge appunto paciugo — il festival è la summa di ciò che esce fuori dopo aver paciugato, delle discussioni attorno ai metodi del paciugo (ché paciugare, come giocare, di cui è l’aspetto più divertente e istruttivo, può essere un’attività serissima — Munari docet), della gioia del paciugare assieme.

Paw Chew Go 2017 7
foto dell’edizione 2017
(courtesy: Paw · Chew · Go)

Per il 13 e 14 ottobre la lista degli ospiti è lunga, e l’area mercato sarà più affollata che mai.

Le mostre — una curata da Sarah Mazzetti, sulla seminale rivista Phototeca, di Ando Gilardi, e un’altra, a cura di Nurant, che racconta la moda del ‘900 attraverso l’illustrazione — saranno un salto nel passato, ma con i piedi ben ancorati nel presente — e, se possibile, anche nel futuro.
E i tavoli delle officine pronti a essere — ovviamente — paciugati, tra workshop di lettering (con James Clough), di ex-libris (AnnaLaura Cantone), di disegno prospettico (Thomas Cian), di disegno dal vero (Martoz), di costruzione di una time machine (ancora con AnnaLaura Cantone, ma quest’ultimo laboratorio è solo per bimbi, i grandi non riuscirebbero mai a farla funzionare).

E tra talk, presentazioni, musica, live painting (e face painting, non solo per piccoli) e portfolio review ce n’è di che paciugarsi non solo le mani, ma anche lo spirito.

[cbtabs][cbtab title=”INFO”]PAW · CHEW · GO
Mostra Mercato di Illustrazione

QUANDO: 13 — 14 ottobre 2017
DOVE: BASE Milano | via Bergognone 34, Milano
INFO: facebook | pawchewgo.com[/cbtab][cbtab title=”MAPPA”][/cbtab][/cbtabs]

Paw Chew Go 2017 3
foto dell’edizione 2017
(courtesy: Paw · Chew · Go)
Paw Chew Go 2017 4
foto dell’edizione 2017
(courtesy: Paw · Chew · Go)
Paw Chew Go 2017 2
foto dell’edizione 2017
(courtesy: Paw · Chew · Go)
Paw Chew Go 2017 1
foto dell’edizione 2017
(courtesy: Paw · Chew · Go)
Paw Chew Go 2017 5
foto dell’edizione 2017
(courtesy: Paw · Chew · Go)
Paw Chew Go 2017 6
foto dell’edizione 2017
(courtesy: Paw · Chew · Go)
Altre storie
il gallinario 1
Il Gallinario: un’enciclopedia illustrata dedicata alle galline