Save the date | W. Eugene Smith: Pittsburgh. Ritratto di una città industriale

Tutto sembra tacere se osservato da lontano: il fiume Monongahela scorre silenzioso nella notte, sull’acqua increspata dal vento si scorge il riflesso delle alte ciminiere mentre nubi vaporose s’innalzano al cielo formando una coltre impenetrabile allo sguardo desideroso di stelle.

Un uomo sull’asfalto nero danza tra lapilli infuocati, un altro fuma una sigaretta in una fugace pausa dal lavoro e una donna, poggiata su un parchimetro, volge lo sguardo pensieroso verso la strada.

W. Eugene Smith, USA, 1918-1978
Area residenziale / City Housing, 1955-1957
Stampa ai sali d’argento / gelatin silver print
33.97 x 26.67 cm
Gift of the Carnegie Library of Pittsburgh
© W. Eugene Smith / Magnum Photos

Atmosfere evanescenti e volti inafferrabili, inquietante piacevolezza di un tempo che fu: questa è la sensazione che ho avuto al MAST di Bologna, osservando le fotografie di W. Eugene Smith,
acclamato fotoreporter americano che negli anni Cinquanta ha catturato in ogni suo più piccolo dettaglio la città di Pittsburg, in Pennsylvania.

Dalle vedute silenziose, all’immersione nella città, Smith non cela nulla di quel mondo ormai lontano dalla nostra contemporaneità. Sembra quasi udire le sonorità tipiche dell’epoca, quegli stessi suoni che all’incirca un decennio dopo Luigi Nono registrerà per comporre La FabbricaIlluminata: i rumori metallici provenienti dalle acciaierie, lo sfregare di lamiere simile al canto delle cicale durante un afoso pomeriggio estivo e il fragore cittadino che inonda in un sol colpo
l’orecchio dell’ignaro scopritore della città dell’acciaio.

W. Eugene Smith, USA, 1918-1978
Operaio di un’acciaieria che prepara le bobine / Mill Man Loading
Coiled Steel, 1955-1957
Stampa ai sali d’argento / gelatin silver print
22.86 x 34.61 cm
Gift of the Carnegie Library of Pittsburgh, Lorant Collection.
© W. Eugene Smith / Magnum Photos

Eugene Smith giunge a Pittsburgh nel marzo del 1955, per realizzare un servizio sul bicentenario della fondazione della città. Il lavoro sarebbe dovuto durare solo poche settimane, ma si protrasse diversi anni, diventando con il tempo il progetto più ambizioso del fotografo americano.

Come scrive il curatore della mostra, Urs Stahel, «W. Eugene Smith lottava per rappresentare l’assoluto. Ben lungi dall’accontentarsi di documentare il mondo, voleva catturare, afferrare, almeno in alcune immagini, niente di meno che l’essenza stessa della vita umana», e ciò che Smith incontra a Pittsburgh è un’umanità lavoratrice e speranzosa nel futuro, con la voglia di riscattarsi dalla fame e dalla disperazione dettata dalla povertà dei tempi.

W. Eugene Smith, USA, 1918-1978
Bambini che giocano tra Colwell Street e Pride Street, Hill District /
Children playing at Colwell and Pride Streets, Hill District, 1955-1957
Stampa ai sali d’argento / gelatin silver print
34.61 x 23.18 cm
Gift of the Carnegie Library of Pittsburgh, Lorant Collection
© W. Eugene Smith / Magnum Photos

A fotografie di panorami, Smith, alterna volti cosparsi di fuliggine e gesti di grande ritualità e sacralità, singole immagini che come fossero tessere di un mosaico vanno a comporre un tappeto musivo di inestimabile bellezza, un ritratto corale, ricco di sfaccettature e di storie profonde.

All’epoca del servizio Smith ha trentasei anni ed è un acclamato fotoreporter, ma qualcosa inizia a turbarlo emotivamente: forse l’allontanamento da sua moglie Carmen e dai suoi quattro figli, forse la rottura con le riviste con cui da sempre aveva collaborato, più probabilmente l’emersione di un vissuto interiore inquieto che portava con sé da ormai troppo tempo.

W. Eugene Smith, USA, 1918-1978
Ragazza accanto a un parchimetro, Camera di commercio di Shadyside,
Walnut Street / Girl leaning on a parking meter, Shadyside Chamber of
Commerce carnival, Walnut Street, 1955-1957
Stampa ai sali d’argento / gelatin silver print
33.66 x 22.22 cm
Gift of the Carnegie Library of Pittsburgh, Lorant Collection.
© W. Eugene Smith / Magnum Photos

Giunto a Pittsburgh, la sua anima ribelle, perfezionista e indagatrice, s’immerge alla scoperta di nuove profondità sociali: osserva e studia la storia della città e i suoi abitanti.

Nel primo mese scatta pochissime immagini, vuole capire cosa lo ha portato lì e cosa si cela nei meandri di questo Tartaro contemporaneo. Vuole cogliere il clima di incertezza e transitorietà che la città vive quotidianamente, non lasciandosi fuggire nulla: dai quartieri di nuova costruzione con villette a schiera, fino alla povertà delle baracche dei sobborghi operai.

W. Eugene Smith, USA, 1918-1978
Edilizia residenziale / Housing & Construction, 1955-1957
Stampa ai sali d’argento / gelatin silver print
33.34 x 25.40 cm
Gift of the Carnegie Library of Pittsburgh, Lorant Collection
© W. Eugene Smith / Magnum Photos

La mostra W. Eugene Smith: Pittsburgh. Ritratto di una città industriale al MAST di Bologna è un racconto fatto attraverso 170 stampe vintage di inestimabile bellezza sociale e culturale, provenienti dalla ricca collezione del Carnegie Museum of Art di Pittsburgh, che testimoniano l’impresa titanica compiuta dal grande fotoreporter William Eugene Smith, proprio nell’anno in cui ricorre il
centenario della sua nascita e il quarantennale dalla sua scomparsa.

W. Eugene Smith
Pittsburgh
Ritratto di una città industriale

QUANDO: fino al 16 settembre 2018
DOVE: MAST. | via Speranza 42, Bologna
INFO: mast.org

W. Eugene Smith, USA, 1918-1978
Stabilimento National Tube Company, U.S. Steel Corporation,
McKeesport, e ponte ferroviario sul fiume Monongahela / National
Tube Company works, U.S. Steel Corporation, McKeesport, and Union
Railroad Bridge over the Monongahela River, 1955-1957
Stampa ai sali d’argento / gelatin silver print
22.86 x 34.29 cm
Gift of the Carnegie Library of Pittsburgh, Lorant Collection.
© W. Eugene Smith / Magnum Photos

W.Eugene Smith, USA, 1918-1978
Acciaieria / Steel mill, 1955-1957
Stampa ai sali d’argento / gelatin silver print
34.29 x 22.86 cm
Gift of the Carnegie Library of Pittsburgh, Lorant Collection,
© W. Eugene Smith / Magnum Photos

W.Eugene Smith, USA, 1918-1978
Forgiatore / Steelworker, 1955-1957
Stampa ai sali d’argento / gelatin silver print
23.49 x 33.34 cm
Gift of Vira I. Heinz Fund of the Pittsburgh Foundation
© W. Eugene Smith / Magnum Photos

W.Eugene Smith, USA, 1918-1978
Deposito U.S. Steel, Rankin / U.S. Steel facility, Rankin, 1955-1957
Stampa ai sali d’argento / gelatin silver print
33.66 x 21.27 cm
Gift of the Carnegie Library of Pittsburgh, Lorant Collection.
© W. Eugene Smith / Magnum Photos

W.Eugene Smith, USA, 1918-1978
Operaio in un’acciaieria / Workman in Mill, 1955-1957
Stampa ai sali d’argento / gelatin silver print
33.97 x 23.49 cm
Gift of the Carnegie Library of Pittsburgh, Lorant Collection.
© W. Eugene Smith / Magnum Photos

W. Eugene Smith nel suo laboratorio
© Arnold Crane portfolio of photographs, “Portraits of
the Photographers,”, 1968-1969.
Archives of American Art, Smithsonian lnstitution

Save the date | W. Eugene Smith: Pittsburgh. Ritratto di una città industriale