Tra fiere, mercatini e workshop, il mondo dell’artigianato creativo è uno dei fenomeni più interessanti e vivaci degli ultimi anni, e il merito è soprattutto della rete, che ha dato visibilità a piccoli artigiani e appassionati di tutto il pianeta, permesso di condividere tecniche ed esperienze, veicolato belle storie che valeva la pena fossero raccontate, avvicinato tantissime persone ai prodotti fatti a mano, e dato a molti la possibilità di trasformare un hobby in un vero e proprio lavoro.

Una scena, quella del crafting, del DIY e dell’handmade, che si è sviluppata soprattutto attorno a Etsy, una piattaforma online nata nel 2005 che è diventata il luogo d’elezione sia per chi produce e vende, sia per chi cerca prodotti unici e fatti a mano, materiali per creare oppure “chicche” vintage, tanto che da qualche anno si è cominciato a parlare di Etsy economy, fondata proprio sul rapporto tra i piccoli imprenditori, che possono raggiungere un pubblico sia locale che globale, e i loro clienti, che possono comunicare con gli artigiani direttamente e commissionare prodotti personalizzati.

In collaborazione con Etsy, noi di Frizzifrizzi abbiamo deciso di esplorare questo mondo attraverso una serie di contenuti: liste dei prodotti più interessanti, interviste e focus sui materiali.
Questa prima puntata abbiamo pensato di dedicarla a un tema che è molto caro sia a noi che ai nostri lettori, quello della cancelleria e di tutto ciò che ha a che fare con gli accessori per scrivere e disegnare.

* * *

1. Gli astucci di Calzette Rosse

Di base a Coriano, in Romagna, Sabrina Carluccio ha fondato il suo marchio da appena un anno e mezzo e fa tutto da sola: taglia, cuce, lavora a maglia, disegna, impacchetta, spedisce, fotografa le sue creazioni e realizza per i suoi clienti fasce per capelli, custodie, portadocumenti, ma soprattutto coloratissimi astucci.

2. I quaderni di Tekne Restauro

Silvia Cirinei ed Elisa Tremori sono due giovani restauratrici di Arezzo che, parallelamente alla loro attività di conservazione e restauro di libri e documenti, nel 2012 hanno cominciato a mettere a frutto le loro conoscenze in fatto di carte, stoffe, cuoio, legatoria antica e legatoria artistica per produrre artigianalmente album, ricettari, rubriche, segnalibri e bellissimi quaderni, interamente fatti a mano e realizzati con carte decorate oppure marmorizzate e pelle conciata al vegetale.

3. I segnalibri di Lanatema

«Tra bottoni, nastrini, fiocchetti, brillantini è nato il mio negozietto. Qualche consiglio dalla mia nonna Lina, qualche puntura d’ago, qualche piccola grande soddisfazione», confessa Alessandra Rossi, giovane artigiana di Lodi che con il suo marchio Lanatema produce portacellulari, bamboline, spillette e coloratissimi segnalibri ad angolo che hanno le fattezze di volpi, panda, ricci, ovviamente gattini e unicorni, e poi elfi, tazze, ciambelle, sushi…

4. Gli astucci di Laura Bags

Classe 1987, Laura è tornata in Puglia dopo anni di lavoro e di viaggi lontana dalla sua terra.
Autodidatta, ha iniziato a creare borse e astucci con la macchina da cucire di sua nonna e da allora non si è più fermata.
Da tre anni è su Etsy con il suo negozio Laura Bags, realizzando prodotti in cotone, sughero e pelle vegan, tra cui affascinanti portamatite interamente fatti a mano.

5. I portapenne di Purse – Moi

«Questo astuccio portapenne è l’unico rimedio naturale per sopravvivere alla noia e al tedio di riunioni di lavoro o di lezioni universitarie!», dice Manuela che, armata di un paio di vecchie e pesanti forbici ereditate da sua nonna e di una macchina da cucire ereditata da sua mamma, fin dal 2012 crea borse, pochette, astucci e portapenne dal sapore vintage, tutti pezzi unici caratterizzati da chiusure automatiche che rimandano immediatamente al classico “borsellino della nonna”.

6. I washi tape di Scrapmemo

Negli ultimi anni il washi tape è uno dei fenomeni della scena dell’artigianato creativo. Si tratta di un nastro adesivo di carta decorato con pattern e illustrazioni. Originario del Giappone (washi significa appunto carta giapponese), può essere utilizzato per un gran numero di attività, specialmente per decorare superfici, oggetti, mobili, quaderni, biglietti di auguri.
Quelli di Scrapmemo sono per tutti i gusti.

7. Gli astucci di Feebujo

Da grande appassionata di Bullet Journaling — un sistema di recente invenzione che unisce consapevolezza interiore e impeccabile organizzazione delle proprie giornate — Federica Santaroni conosce benissimo l’importanza di avere sempre a portata di mano le penne, i pennarelli e le matite giuste.
Per questo ha cominciato a creare astucci fatti a mano, decorati con pattern naturalistici e citazioni “d’ispirazione”, che possono essere anche personalizzate dai clienti.

8. Gli ex libris di Re Art Factory

Di base nel sud della Sardegna, Valeria ha iniziato producendo ceramiche, per poi appassionarsi anche alla progettazione grafica e ai timbri. È su Etsy dal 2014 e realizza tantissimi ex libris, cioè le etichette o timbri coi quali, in passato, si segnavano con il proprio nome e un proprio simbolo distintivo i libri che si possedevano. Tornati in voga negli ultimissimi anni, gli ex libris sono dei regali perfetti per chi legge molto ed è orgoglioso della propria biblioteca.
Quelli di Re Art Factory sono di tanti tipi e si possono personalizzare.

9. I segnalibri elastici di KatiaFabricStudio

Diplomata in fashion design, Katia disegna fin da bambina abiti e accessori, e oggi è un’artigiana che utilizza Etsy per vendere le sue creazioni, interamente fatte a mano nel piccolo laboratorio che ha allestito a casa sua, dove confeziona anche dei floreali segnalibri elastici che, oltre a poter essere utilizzati su libri, manuali e ricettari, diventano pure dei segnaposto da tavola o un’alternativa a nastro e fiocco per chiudere un regalo.

10. I notebook di Impressioni

Cambiare vita di solito fa bene al cuore e allo spirito. L’esempio perfetto è Lucia Locatelli, che si definisce ex impiegata e soprattutto ex milanese. Ora di base tra le splendide colline marchigiane, Lucia ha deciso di seguire la sua passione per l’artigianato e la stampa, realizzando timbri ispirati alla natura e tanti tipi di quaderni e taccuini con copertine in carta o in tessuto.