«Mukashi Mukashi…
c’era una volta una volta c’era
nel paese lontano dove il sole si leva
un arcipelago di fiabe
abitate da esseri misteriosi e potenti…»

Mukashi Mukashi, c’era una volta in Giappone…
Mukashi in giapponese significa proprio c’era una volta.
Al centro di ogni singola storia — vagliata con l’intento di cogliere quelle più significative della tradizione Giapponese, a costo di scegliere le meno conosciute — figure mitiche di un mondo lontano: Oni, Jizo, Gru, Issunboshi, Kappa…

“Mukashi Mukashi. C’era una volta in Giappone”, Cosimo Franco Panini, novembre 2017

Le favole vanno da Il Jizo con il capello di Paglia a La donna Gru, da Momonoko Taro a Kappa vuole una sposa, da Issunboshi a Il principe della paglia, da Il Tanuki e la volpe a La yamanba non corre più.
Ma niente paura, proprio sui risguardi del volume è rintracciabile un valido vademecum ad uso di chi si inoltrerà in un albo che, grazie anche alla sapiente rielaborazione dei testi di Giusi Guarenghi, nome affermato della letteratura per l’infanzia (nonché vincitrice del Premio Andersen 2016), riesce a conservare, ma allo stesso tempo a rendere più vivide e vivaci, le atmosfere e i racconti dell’antico passato nipponico.

A staccare il biglietto per farci fare uno splendido viaggio in Giappone ci sono, poi, le bellissime tavole di otto illustratori, quattro italiani e quattro giapponesi, che hanno saputo reinterpretare con maestria e talento espressivo le storie proposte: Susumu Fujimoto, Kotimi, Junko Nakamura, Satoe Tone, Mara Cozzolino, Simone Rea e Valeria Petrone. Ospite d’onore: Philip Giordano, al quale sono state affidate anche la copertina ed i risguardi del libro.

“Mukashi Mukashi. C’era una volta in Giappone”, Cosimo Franco Panini, novembre 2017

Le tavole provengono dalla selezione della 35ª Mostra Internazionale d’Illustrazione per l’Infanzia di Sarmede, e in particolare dalla sezione Le immagini della fantasia curata dall’art director Monica Monachesi, che per ogni edizione sceglie, come tema attorno al quale sviluppare l’estro creativo dei partecipanti, immaginari e ambientazioni di vari paesi del mondo, in una sinergia che si fa pieno dialogo e scambio con il paese di volta in volta prescelto.

Mukashi Mukashi nasce proprio dalla collaborazione fra la Fondazione Štěpán Zavřel di Sarmede e la casa editrice Franco Cosimo Panini, e appartiene alla collana Le immagini della fantasia, che dalla sezione della mostra prende il nome.
Il progetto della serie si consolida 13 anni fa con il volume Le mille e una storia di Oriente, raccontato da Luigi Dal Cin, che ha collaborato anche a numerosi successivi titoli, fino a Sulle ali del Condor, dedicato al Cile, uscito nel 2016.
E nel 2013 (anno del trentennale della mostra) Il Premio Andersen ha conferito un riconoscimento a Nel Bosco della Babà Jaga, fiabe dalla Russia.

“Mukashi Mukashi. C’era una volta in Giappone”, Cosimo Franco Panini, novembre 2017

“Mukashi Mukashi. C’era una volta in Giappone”, Cosimo Franco Panini, novembre 2017

“Mukashi Mukashi. C’era una volta in Giappone”, Cosimo Franco Panini, novembre 2017

“Mukashi Mukashi. C’era una volta in Giappone”, Cosimo Franco Panini, novembre 2017

“Mukashi Mukashi. C’era una volta in Giappone”, Cosimo Franco Panini, novembre 2017

“Mukashi Mukashi. C’era una volta in Giappone”, Cosimo Franco Panini, novembre 2017