Save the date | Sulla scienza, i libri di scienza per bambini

Da piccolo, come tanti altri, volevo fare lo scienziato. E l’investigatore, il fantastiliardario come Paperon de’ Paperoni, il pilota di caccia, quello che costruisce una navetta spaziale e scopre civiltà aliene (come ogni ragazzino dopo aver visto Explorers, immagino), il commerciante di tè (ebbene sì), l’hacker smanettone…
Ma diventare scienziato fu il sogno che resistette più a lungo, articolandosi negli anni in svariate branche delle scienza, dalla chimica alla mineralogia, dalla biologia all’astronomia.

A guidare questa lunga parata di velleità infantili furono anche film e fumetti, ma la colpa (o il merito) fu soprattutto dei libri. In biblioteca, o in libreria, non c’era verso che uscissi senza almeno un manuale illustrato, e il mio comodino era pieno di mappe stellari, di guide su come riconoscere le impronte degli animali, di schede con esperimenti da fare in garage; i miei scaffali zeppi di titoli come Lo sai com’è fatto il mondo?, Lo sai come funziona? Animali della preistoria, Le piante mi hanno raccontato, Il mondo intorno a noi, Il libro della terra, La terra, Il libro delle esplorazioni, Il libro della vita, Il corpo umano (ben due con lo stesso titolo), Il mio corpo, Il libro delle stagioni, Il manuale del giovane scienziato, Il manuale del curioso, Il cielo, le stelle e la notte.

(courtesy: Corraini)

Non sto snocciolando titoli a caso, quegli stessi libri ora sono nella cameretta delle mie figlie: ogni volta che vado dai miei faccio incetta di vecchi libri e quando torno a casa con il bottino c’è il cerimonioso passaggio del testimone tra due generazioni di secchioni. Un giorno, forse, il rito si ripeterà con quelli che oggi, per me, sono l’equivalente dei manuali, e cioè i saggi sugli argomenti più svariati, di cui faccio man bassa quando vado in libreria (ma passando sempre, prima, nella sezione dei libri per ragazzi).

C’era qualcosa nelle immagini di quei volumi, sia in quelle disegnate da grandi maestri che in quelle di illustratori sconosciuti, che andava oltre la semplice spiegazione di un fenomeno, di una tecnica, di un’invenzione o di una storia. Ti facevano frullare i neuroni aprendo porte su nuovi mondi, al contempo offrendoti la bellissima sensazione che capire e immaginare equivaleva a poter fare: ci credevi davvero di poter esplorare lo spazio infinito o di entrare con chissà quale microscopio speciale tra gli atomi di un elemento; pensavi che saper riconoscere le nuvole un giorno si sarebbe rivelato fondamentale, che vivere in un mondo in cui poter sapere la velocità massima di un falco pellegrino in picchiata è molto meglio che vivere in uno in cui le cose succedono e nessuno si chiede il come e il perché.

(courtesy: Corraini)

Ecco: il come e il perché. È su quei libri che spesso nasce la voglia di saperne sempre di più, di non accontentarsi di un boh e di un mah. Rispondendo ad alcune domande ne fanno nascere mille altre.

E sono quei libri i protagonisti di una bella mostra organizzata da Corraini presso la Libreria 121+ di Milano in occasione di Hai visto un re?, un festival che si apre domani a Milano, dedicato alla letteratura per ragazzi e organizzato dalle librerie indipendenti, dalle biblioteche e dalle case editrici.

All’interno del fittissimo programma del festival, che dura tre giorni e si conclude il 1° ottobre, presso la Libreria 121+ di via Savona è allestita infatti la mostra Sulla scienza, i libri di scienza per bambini, realizzata in collaborazione con Editoriale Scienza, Flying eye books, Nobrow e Selegiochi.

(courtesy: Corraini)

Visitabile fino al 15 ottobre, l’esposizione raccoglie volumi vecchi e nuovi di case editrici italiane ed internazionali, tra cui Il Castello, Kellermann, Lapis, Terre di mezzo, L’ippocampo, Les Grandes Personnes, Helium, Thames and Hudson ed Edition Memò, ed è accompagnata da laboratori e incontri, sia per piccoli che per grandi.

E per chi volesse scaricarsi l’intero programma di Hai visto un re?, ecco il link al pdf.

[cbtabs][cbtab title=”INFO”]Sulla scienza, i libri di scienza per bambini

QUANDO: fino al 15 ottobre 2017
DOVE: Libreria 121+ | via Savona 17, Milano
INFO: facebook | haivistounre.it[/cbtab][cbtab title=”MAPPA”][/cbtab][/cbtabs]

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.