Pensate per chi vive vicino al mare, le mappe di Pangea ribaltano il punto di vista delle solite carte geografiche che appendiamo in salotto e invece di focalizzarsi sui rilievi terrestri, appiattiti e colorati di bianco, dà il ruolo da protagonista a quelli marini, ritratti strato su strato utilizzando i dati batimetrici (la batimetria è appunto lo studio morfologico e la misurazione delle profondità dei fondali di oceani, mari e laghi).

L’idea è di un designer industriale australiano, Tom Percy, che ha realizzato il primo esemplare in assoluto — relativo alla baia di Moreton, vicine a Brisbane, dove vive assieme a sua moglie — come regalo di compleanno per suo padre.

Realizzate in compensato tagliato al laser e rifinite a mano, le mappe rappresentano alcuni tra i più celebri tratti di costa di Stati Uniti, Canada e Australia. Ma oltre a quelle in vendita online, è possibile ordinarne di personalizzate, scegliendo il proprio angolino di mondo e avendo anche la possibilità di far stampare il nome della località, un messaggio speciale, e incidere un proprio “luogo del cuore” con un simbolo.

(foto: Pangea)

(foto: Pangea)

(foto: Pangea)

(foto: Pangea)

(foto: Pangea)

(foto: Pangea)

(foto: Pangea)

(foto: Pangea)

(foto: Pangea)

(foto: Pangea)

(foto: Pangea)