fbpx
isoi embroidery 3
(fonte: Isoì)

Le illustrazioni ricamate di Isoì

Gaia Bernasconi è un’illustratrice, anche se chi la conosce sa che si tratta di un’etichetta che le va piuttosto stretta.
Daniele Desperati è un visual designer, ma chi lo conosce potrebbe testimoniare anche sotto giuramento che lui è innanzitutto un raccontastorie, e che come lui ce ne sono pochi.

Gaia e Daniele sono l’anima, il corpo e la linfa di Isoì, progetto nato nel 2014 che — come raccontano entrambi — «doveva essere “solo” un marchio di abbigliamento e invece è diventato qualcos’altro».
Un laboratorio di incisione e stampa, una bottega di prodotti artigianali, un’agenzia creativa, un marchio, un concept store, un luogo (splendido) per mostre e workshop: è difficile trovare una sola parola che lo descriva.

isoi embroidery 1
(fonte: Isoì)

La storia di Isoì è strettamente legata alla Grecia.
Fu in Grecia che la nonna di Gaia trovò un gatto, un gatto cieco e messo male, a cui diede il nome di Isoì, che in greco significa vita.
Nonostante le cure il gatto morì ma fu lui a ispirare il nome e il logo del progetto, «un occhio e una goccia che può essere al contempo una lacrima o un collirio lenitivo», spiega Daniele.

Sempre in Grecia — dove i due, fidanzati da qualche anno, erano in vacanza — è arrivata l’illuminazione: «l’idea iniziale era quella di prendere alcune delle illustrazioni di Gaia, serigrafarle su delle t-shirt, venderle e fine. Durante l’estate, però, le cose hanno preso un’altra piega. Avevamo fatto le prime t-shirt e le vendevamo ai turisti con un banchetto. Ma ci siamo accorti che oltre che alle magliette le persone erano interessate al talento di Gaia, ai suoi dipinti, alle cose che lei ricama».

isoi embroidery 2
(fonte: Isoì)

Tornati a Milano cominciano a investire sulla loro strana creatura. Si fanno conoscere, collaborano con diversi marchi importanti, dopo circa un anno prendono uno spazio sui navigli (l’indirizzo è via Torricelli, all’angolo con via Ascanio Sforza, sul Naviglio Pavese) e lo trasformano in quello che è oggi: una versione in legno, mattoni, scaffali e tavoli da lavoro dello spirito di Isoì, che ha anche un negozio online pieno di stampe, t-shirt, ninnoli, sculture, spille e ricami.

Proprio i ricami, versione ago-e-filo delle illustrazioni di Gaia, sono i protagonisti della galleria di immagini pubblicata in questi giorni da Isoì su Behance.

isoi embroidery 3
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 4
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 5
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 6
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 7
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 8
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 9
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 10
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 11
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 12
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 13
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 14
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 15
(fonte: Isoì)
isoi embroidery 16
(fonte: Isoì)
Altre storie
ReJig 7
I puzzle illustrati di Rejig