Passare ore davanti a cose belle e gratis? La nostra rubrica Tesori d'archivio è la soluzione.
Steeven Salvat, “MECHANICAL / BIOLOGICAL [Crustacean Study]” (courtesy: Steeven Salvat)

La meccanica dei crostacei

Come puntualmente spiega la Treccani: «I crostacei sono una classe di artropodi a respirazione branchiale o tegumentale, con due paia di antenne e vario numero di appendici articolate, tipicamente bifide. Presentano un esoscheletro chitinoso, spesso calcificato e vivacemente colorato, suddiviso in un numero vario di segmenti articolati, mobili, di regola fusi a costituire capo, torace (o un cefalotorace) e addome, tutti provvisti, eccetto l’ultimo (telson), di un paio di appendici articolate. Una duplicatura cutanea, scudo o carapace, di aspetto e sviluppo molto vari, ricopre a volte i segmenti del cefalotorace (…). Racchiudono più di 35.000 specie note».
E così via.

Steeven Salvat è un artista francese affascinato dallo stile formale, preciso e meticoloso che caratterizza gli antichi studi di biologia. Da questa premessa è nata la serie Mechanical / Biological [Crustacean Study] in cui Salvat rappresenta i crostacei divisi in due nette metà, l’una organica (l’esterno) e l’altra meccanica (l’interno) andando così a potenziare la complessità che questi organismi hanno in natura.

Steeven Salvat, “MECHANICAL / BIOLOGICAL [Crustacean Study]”
(courtesy: Steeven Salvat)

L’artista disegna un mondo di intricati meccanismi, rotelle, microscopici elastici e quanto altro sia possibile trovare o immaginare all’interno di un orologio analogico, che qui trasforma nella rappresentazione dell’anatomia interna dei crostacei. Ed è grazie a questi intricati congegni che scopriamo come granchi, aragoste e gamberi si muovono e trascinano le loro rigide e arcaiche forme esterne, disegnate con estrema cura del dettaglio e rispetto dell’anatomia. E se fosse davvero così in una dimensione parallela?

Questa collezione di nove pezzi, più il font e i simboli creati appositamente per la serie, è stata realizzata interamente con una Rotring Rapidograph 0.13 mm, una penna professionale con punta sottile; per approfondire sulla raffinata tecnica e le capacità manuali di Salvat vi consiglio di dare un’occhiata al video qua sotto.

Ogni pezzo, come lui stesso tiene a precisare, lo ha impegnato per almeno 30 ore di lavoro, per completare la serie ha impiegato circa tre mesi di dedizione totale al progetto. La carta, per meglio ricreare l’effetto spiegazzato delle stampe d’epoca e una patina antica con sfumature marrone e avorio, è stata trattata con del tè nero prima di essere utilizzata.

Per comprendere meglio queste sorprendenti illustrazioni organiche e meccaniche sarà sufficiente ingrandire il più possibile le immagini e andare a scovare alcuni dettagli. Tra cui: il timbro a inchiostro rosso del Salvat Museum Mechanical / Biological, la firma dell’artista, i nomi modificati delle diverse specie o gli occhi sostituiti da piccole lampadine ma soprattutto i meccanismi, noterete così la precisione della tecnica e non resterete delusi dall’effetto di verosimiglianza: ogni singola rotella è infatti connessa l’una all’altra e sì, azionandosi faranno muovere i crostacei.

Steeven Salvat, “MECHANICAL / BIOLOGICAL [Crustacean Study]”
(courtesy: Steeven Salvat)

Tipografo e illustratore, Salvat ha un portfolio è ricco di lavori ispirati al passato e con evocazioni che vanno dai bestiari medievali allo steampunk, sempre con un tocco contemporaneo, come, ad esempio, nelle tavole da skateboard che potete vedere sul suo sito.

Steeven Salvat mi piace immaginarlo come un personaggio di un romanzo di Jules Verne, uno studioso che indaga viaggiando al centro della Terra, in isole misteriose o a ventimila leghe sotto i mari. Poiché se davvero fosse così, qualcuno di voi resterebbe deluso?

Steeven Salvat, “MECHANICAL / BIOLOGICAL [Crustacean Study]”
(courtesy: Steeven Salvat)
Steeven Salvat, “MECHANICAL / BIOLOGICAL [Crustacean Study]”
(courtesy: Steeven Salvat)
Steeven Salvat, “MECHANICAL / BIOLOGICAL [Crustacean Study]”
(courtesy: Steeven Salvat)
Steeven Salvat, “MECHANICAL / BIOLOGICAL [Crustacean Study]”
(courtesy: Steeven Salvat)
Steeven Salvat, “MECHANICAL / BIOLOGICAL [Crustacean Study]”
(courtesy: Steeven Salvat)
Steeven Salvat, “MECHANICAL / BIOLOGICAL [Crustacean Study]”
(courtesy: Steeven Salvat)
Steeven Salvat, “MECHANICAL / BIOLOGICAL [Crustacean Study]”
(courtesy: Steeven Salvat)
Steeven Salvat, “MECHANICAL / BIOLOGICAL [Crustacean Study]”
(courtesy: Steeven Salvat)
contributor

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Tesori d’archivio: il Met ha digitalizzato e messo online oltre 650 antichi libri illustrati giapponesi