fbpx
fictitious feasts roux melville
“Moby Dick o la balena bianca” di Herman Melville

Alcuni dei pasti più celebri della letteratura ricreati e fotografati

La celebre madeleine di Proust; gli avanzi di cibo in decomposizione che Gregor Samsa, ormai mutato in insetto, mangia con gusto ne La metamorfosi di Kafka; i “tre pasti al giorno di farinata leggera, con una cipolla due volte a settimana, e mezzo panino la domenica” del povero Oliver Twist di Dickens (anche se qualche dietologo pediatrico sostiene che fossero più che sufficienti); il quasi mitico boeuf en daube (stufato di manzo) descritto da Virginia Woolf in Gita al faro: «[…] e un delicato aroma di olive, olio e sugo si levò dalla enorme terracotta quando Marthe, con una certa ostentazione, tolse il coperchio. La cuoca aveva lavorato tre giorni a quel piatto. Ora devo fare molta attenzione, pensò la signora Ramsay, affondando nella massa di carne soffice, e scegliere un pezzo particolarmente tenero per William Bankes. Scrutò nel fondo della zuppiera, con le sue lucide pareti e la mescolanza di saporite carni scure e bianche, e le foglie d’alloro e il vino […]».

E ancora: l’Ulisse di Joyce, Moby Dick, Pippi Calzelunghe, Jane Eyre, I miserabili di Hugo… Il fotografo francese Charles Roux si è messo a ricreare in maniera certosina alcuni tra i più celebri pasti nella storia della letteratura per poi fotografarli con una luce che evocasse l’immaginario dei rispettivi romanzi.

Il risultato è Fictitious Feasts, progetto fotografico (in cerca di editore) molto affascinante anche se non proprio originalissimo — un paio di anni fa, ad esempio, uscì un libro assai simile, Fictitious Dishes, ma molto meno intrigante dal punto di vista estetico.

Altre storie
il giro del mondo in 80 bicchieri 1
Fare il giro del mondo in 80 bicchieri con un atlante degli alcolici