fbpx
color lisa 0

Le palette colore dei capolavori della pittura

I grandi maestri che li hanno dipinti—loro che hanno passato a volte giorni, a volte mesi, con gran fatica, spesso con ossessione, a trovare quello giusto, la tonalità esatta, l’unica possibile—probabilmente storcerebbero il naso davanti a una semplificazione del genere («ma come, io ci ho messo l’anima a trovare quel grigio-blu e voi me lo chiamate semplicemente #acbbc5?» potrebbe sbottare Degas rivoltandosi nella tomba) ma un sito come Color Lisa può rivelarsi piuttosto interessante soprattutto in questi nostri rapidi tempi in cui si bada bene a far tutto a pezzetti piccoli e pre-digeriti, per chi non ha tempo di stare ad approfondire e deve passare immediatamente al prossimo “boccone” d’informazione.

Ideato dal designer-barra-fotografo-barra-artista Ryan McGuire e curato da tutta una serie di cromo-appassionati, Color Lisa prende alcuni tra i più celebri capolavori della storia dell’arte e ne tira fuori una palette di cinque colori in base a quelli dominanti.
Da Leonardo a Basquiat, c’è da passarci un po’ di tempo a occhi spalancati.

Sandro Botticelli, “Nascita di Venere”, 1482-1845 ca.
Sandro Botticelli, “Nascita di Venere”, 1482-1845 ca.

botticelli_palette

Paul Gauguin, “La siesta”, 1893
Paul Gauguin, “La siesta”, 1893

gauguin_palette

Paul Cézanne, “Le grandi bagnanti”, 1906
Paul Cézanne, “Le grandi bagnanti”, 1906

cezanne_palette

Pablo Picasso, “Les Demoiselles d'Avignon”, 1907
Pablo Picasso, “Les Demoiselles d’Avignon”, 1907

picasso_palette

Gustav Klimt, “Il bacio”, 1907-08
Gustav Klimt, “Il bacio”, 1907-08

klimt_palette

Kazimir Severinovič Malevič, “Suprematist Composition”, 1916
Kazimir Severinovič Malevič, “Suprematist Composition”, 1916

malevich_palette

Edward Hopper, “Night Windows”, 1928
Edward Hopper, “Night Windows”, 1928

hopper_palette

Salvador Dalì, “La persistenza della memoria”, 1931
Salvador Dalì, “La persistenza della memoria”, 1931

dali_palette

Frida Kahlo, “autoritratto con collana di spine”, 1940
Frida Kahlo, “autoritratto con collana di spine”, 1940

kahlo_palette

M. C. Escher, “Gravità”, 1952
M. C. Escher, “Gravità”, 1952

escher_palette

Jean-Michel Basquiat, “Untitled (Black King Catch Scorpio)”, 1981
Jean-Michel Basquiat, “Untitled (Black King Catch Scorpio)”, 1981

basquiat_palette

Fernando Botero, “Seated Nude“, 1989
Fernando Botero, “Seated Nude“, 1989

botero_palette

Altre storie
Phillip Kalantzis Cope beton2
Flickr/Week(r) | Béton brut