Ordinary Magazine - copertina

Ordinary Magazine: l’ordinario diventa straordinario

Trovare lo straordinario nell’ordinario dev’essere tra i “valori aziendali” della KesselsKramer, agenzia creativa di Amsterdam tra le più interessanti a livello mondiale. Oltre all’attività svolta per i loro tanti clienti, infatti, chi lavora lì porta avanti tutta una serie di progetti paralleli che spesso finiscono nel catalogo di pubblicazioni della stessa agenzia, pubblicazioni legate da una costante ricerca dello straniamento attraverso l’assoluta normalità (vedere per credere: c’è ad esempio un’intera collana intitolata Useful Photography, dove vengono raccolte immagini pescate in rete, sui libri, talvolta prodotte ad hoc, seguendo un tema sempre differente: dalle divise militari ai manuali di fotografia, da un pene che si fa i selfie—ebbene sì—ai vincitori di premi assurdi).

Su questo solco, quello del rivoltare come un calzino la banalità trasformandola in meraviglia, si sviluppa anche Ordinary Magazine, un nuovissimo trimestrale fondato da ben due KesselsKrameriani—Max Siedentopf e Tialda Lublink—insieme al designer Yuki Kappes.

Il primo numero, dedicato alle posate, sposa l’estetica delle fanzine e piazza in copertina un set di forchetta coltello cucchiaio di plastica, quelle da campeggio, da merenda di fine anno scolastico, da serata in cui non hai voglia di lavare i piatti. Posate che diventano il filo rosso e il soggetto delle foto (sì perché ufficialmente Ordinary è una rivista di fotografia) scattate da più di 20 artisti che hanno partecipato a questa prima uscita.

Il concetto è proprio questo: spedire agli artisti un oggetto, uguale per tutti, e vedere cos’è che ne esce fuori.
E il risultato, a mio avviso, è stra-ordinario.

Ordinary Magazine - copertina
Ordinary Magazine n.1 (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Thomas Aangeenbrug
Ordinary Magazine n.1 – Thomas Aangeenbrug (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Thomas Albdorf
Ordinary Magazine n.1 – Thomas Albdorf (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Mauricio Alejo
Ordinary Magazine n.1 – Mauricio Alejo (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Blaise Cepis
Ordinary Magazine n.1 – Blaise Cepis (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Beni Bischof
Ordinary Magazine n.1 – Beni Bischof (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Ruth van Beek
Ordinary Magazine n.1 – Ruth van Beek (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Thomas Nondh Jansen
Ordinary Magazine n.1 – Thomas Nondh Jansen (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Simon Wald-Lasowski
Ordinary Magazine n.1 – Simon Wald-Lasowski (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Maxime Guyon
Ordinary Magazine n.1 – Maxime Guyon (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Vendula Knopová
Ordinary Magazine n.1 – Vendula Knopová (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Thomas Mailaender
Ordinary Magazine n.1 – Thomas Mailaender (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Adrian Samson
Ordinary Magazine n.1 – Adrian Samson (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Jaap Scheeren
Ordinary Magazine n.1 – Jaap Scheeren (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Daniel Eatock
Ordinary Magazine n.1 – Daniel Eatock (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine - Paoola Paloma
Ordinary Magazine n.1 – Paoola Paloma (fonte: ordinary-magazine.com)
Ordinary Magazine
Ordinary Magazine n.1 (fonte: ordinary-magazine.com)
Altre storie
No Signal, il ritorno alla natura di Brice Portolano