Partecipa al #BOOKTOBER, un'iniziativa di Frizzifrizzi da un'idea di Davide Calì

Le spillette con le gif animate

Siamo solo agli inizi di quella che potrebbe essere una vera e propria rivoluzione, quella delle cosiddette tecnologie wearable, cioè indossabili. Tessuti intelligenti capaci di reagire all’ambiente circostante, occhiali intelligenti per innestare nella realtà-realtà anche la realtà virtuale e la realtà aumentata, smart watches… (aggiungici gli smartphone, le smart city, la pubblica amministrazione smart e vien da pensare: saremmo all’altezza di tutta questa intelligenza? Non è che prima dovremmo investire nella nostra?).

Ma in attesa di vivere dentro a mondi fantastici, di cambiar colore come camaleonti e usare mantelli per l’invisibilità come quello Harry Potter, possiamo già portarci in giro la tonnellata di gif animate che usiamo sui social network in forma di spillette.
L’idea è di un gruppo di designer e imprenditori svedesi, che ha inventato una spilla—smart pure questa—con un display digitale in grado di interfacciarsi con un’app e di cambiare la grafica tutte le volte che vuoi, potendo scegliere tra immagini già create (gif animate comprese) o creando le proprie (l’idea infatti è di mettere su una vera e propria comunità creativa).

pins_collective_1

La spilla funziona a batteria: si ricarica con un cavetto e dovrebbe riuscire a durare circa 74 ore con un’immagine statica ma appena 2 ore e mezzo per un’animazione. Il display è semi-riflettente e semi-retroilluminato, il che significa (almeno così assicurano) che le grafiche siano ben visibili sia in esterno che in interno.

Pins Collective—questo il nome del progetto—ha lanciato pochi giorni fa una campagna di crowdfunding su Kickstarter alla quale si può partecipare per pre-ordinarne una a prezzo ribassato. L’importante è saper aspettare: la spilletta e l’accesso all’app saranno disponibili tra poco meno di un anno, nel febbraio del 2017.

pins_collective_2

pins_collective_3

pins_collective_4

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
B-Switch: una collezione di streetwear ispirata alla Bolognina e realizzata da 35 studenti delle superiori