fbpx

Una campagna di crowdfunding per supportare la nuova edizione di Ratatà, festival di fumetto, illustrazione ed editoria indipendente

L’anno scorso hanno già dimostrato di potercela fare a finanziare parte del festival attraverso una campagna di crowdfunding. E quest’anno gli organizzatori di Ratatà, festival dedicato al fumetto, all’illustrazione e all’editoria indipendente, hanno deciso di riprovarci, portando a Macerata (cittadina meravigliosa di quelle che noi marchigiani “del nord”, un po’ giocando, un po’ facendo ottuso campanilismo e un po’ per invidia di quei territori ben più attraenti dei nostri, chiamiamo “Marche sporche”) un cartellone di ospiti italiani e internazionali da far invidia agli eventi più blasonati organizzati nelle metropoli.

Blexbolex, Mannelli, Igor Hofbauer, Celine Guichard, Bill Noir, Kuš! Komikss, Arianna Vairo, Cifone, il collettivo La Trama, il premiato duo Taddei/Angelini, e tanti altri, a cui andranno ad aggiungersi altri nomi più o meno conosciuti per un programma ancora in via di definizione ma che si preannuncia già ricchissimo, tra incontri, workshop, ovviamente il mercatino delle autoproduzioni, concerti, installazioni, street art…

Le call per artisti ed espositori, tra l’altro, sono ancora aperte (fino al 1 aprile per i primi, fino al 15 marzo per i secondi, sul sito tutte le informazioni su chi contattare), come pure è ancora aperta la suddetta campagna di crowdfunding per dare una spintarella alla magia che in questa terza edizione, come nelle due precedenti, pervaderà il festival.

Per chi decide di offrire dai 15 euro in su ci sono ricompense che vanno dalle spillette del festival al poster, dalla shopper alla t-shirt, dagli sconti sui workshop alla fanzine di Ratatà (quest’anno dedicata alle gif animate!). E poi libri, serigrafie, e addirittura un’opera originale.

flyer-ratatc3a0-low

flyer-ratatc3a0-retro-low

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
betterpresslab cover
Betterpress: non è facile trovarle, più difficile è venir via