Save the date | Ratatà, festival di illustrazione, fumetto, editoria indipendente

sorcio color 04 nobody

«Pur essendo organizzata in una piccola cittadina come Macerata, la prima edizione ha avuto un discreto successo: tutti sono tornati a casa avendo venduto qualcosa, e artisti ed espositori non vedono l’ora che arrivi la prossima edizione. La cosa molto bella del festival è che si è creata un’atmosfera d’amicizia, addirittura famigliare: tutti abbandonavano la macchina per girare a piedi e godersi la città, ognuno cercava di ospitare più persone possibili in casa propria. Dentro casa mia, ad esempio, noi dormivamo in cucina sui materassini gonfiabili…».

L’ultima volta che l’ho incontrato, quando mi parlò di Ratatà, festival dedicato all’illustrazione, al fumetto e all’editoria indipendente, a Nicola Alessandrini si illuminavano gli occhi.
Nicola, assieme a Lisa Gelli, a Lorenzo Bartolucci e a Enrico Fiammelli di Strane Dizioni è uno degli ideatori e organizzatori dell’evento, forse l’unico in Italia capace di portare nella cosiddetta provincia, senza grandi budget e grazie a tanto, tantissimo sudore della fronte, con pochi riflettori accesi e una dimensione — come già ben spiegato qua sopra — rilassata e da riunione di famiglia, ospiti di livello internazionale come quelli che hanno preso parte all’edizione dello scorso anno e quelli che invece saranno i protagonisti di questa nuova edizione.

Basta guardare il fittissimo programma di per strabuzzare gli occhi: tra autoproduzioni, mostre, workshop, incontri, concerti e progetti speciali (tra cui una fanzine ad hoc, stampata in serigrafia da Strane Dizioni, che è poi una delle stelle polari, o “forze motrici”, come le chiama Nicola, della fertile scena maceratese, dove grazie a una scuola d’illustrazione di altissimo livello e al contributo di personaggi che lì hanno scelto di vivere e lavorare, arrivano artisti di tutto il mondo) i nomi in ballo sono quelli di Stefano Ricci, Henning Wagenbreth, Sophia Martineck; e ancora: Canemorto, Denis Riva, James Kalinda, Lucamaleonte, Signora K, lo stesso Nicola Alessandrini, Marco About Bevivino, Alessandra De Cristofaro, Irene Rinaldi, Patrizio Anastasi, Cinzia Compagnoni, Daniela Tieni, Virginia Mori, Guerrilla SPAM…

Tra l’altro è ancora online la campagna di crowdfunding (che ha già raggiunto l’obiettivo) lanciata per aiutare a finanziare il festival. Se contribuisci puoi portarti a casa shopper, serigrafie e fanzine.

QUANDO: 16 — 19 aprile 2015
DOVE: Macerata (location varie) | facebook

sorcio color 04 nobody

MadreTerraMorta: sei artisti indipendenti italiani riflettono sulla natura e sul suo deterioramento. con Canemorto, Denis Riva, James Kalinda, Lucamaleonte, Signora K, Nicola Alessandrini
MadreTerraMorta: sei artisti indipendenti italiani riflettono sulla natura e sul suo deterioramento.
con Canemorto, Denis Riva, James Kalinda, Lucamaleonte, Signora K, Nicola Alessandrini
da “Eccoli”, personale di Stefano Ricci
da “Eccoli”, personale di Stefano Ricci
manifesto del workshop di papercut con Henning Wagenbreth
manifesto della mostra e del workshop di papercut di e con Henning Wagenbreth
manifesto della mostra personale di Sophia Martineck
manifesto della mostra personale di Sophia Martineck
dalla mostra dedicata a “Drozophile Edizioni”
dalla mostra dedicata a “Drozophile Edizioni”
dalla mostra dedicata a “Hécatombe Edizioni”
dalla mostra dedicata a “Hécatombe Edizioni”
co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.