Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

The Alchemist’s Dressing Table

00

Legno di acero e rame, scelti per il loro tradizionale simbolismo; sughero utilizzato per le sue proprietà isolanti; vetro borosilicato per la sua tenuta al calore ed acciaio inossidabile per la sua resistenza. Tutti  questi componenti, realizzati in collaborazione con artigiani londinesi, danno vita a The Alchemist’s Dressing Table. A prima vista o per le più pigre di voi all’ascolto un centro tavola, per le più volenterose lo strumento atto a produrre cosmetici naturali a casa.

L’oggetto, disegnato da Lauren Davies operante sotto il nome di Heka Lab, è chiaramente ispirato agli antichi rituali alchemici.
Dice Lauren: «Credo che questo potrebbe essere il futuro dei cosmetici per la donna moderna che ha il desiderio di avere sotto controllo ciò che usa sulla sua pelle e l’impatto che ha sull’ambiente».
Un modo per riallacciare l’ancestrale rapporto tra natura, magia e riti di bellezza femminile.

01

Il distillatore può essere usato per fare idrosol e oli essenziali.
L’acqua viene fatta bollire utilizzando il calore generato dal bruciatore ad olio sotto la ciotola di rame alla base. Il vapore passa poi attraverso il materiale vegetale profumato adagiato sul setaccio. Il vano superiore è riempito con ghiaccio in modo da permettere al cono di rame di agire come un condensatore. Il vapore contenente particelle di profumo, passa attraverso il secondo setaccio e colpisce il condensatore dove si raffredda, si trasforma in liquido e gocciola giù nel bicchiere di raccolta sottostante.

Oli e cere possono essere sciolti sulla la piastra calda e mescolati con profumi e pigmenti.

La piastra kohl permette di preparare il nero kohl. Il carbonio si raccoglie sul lato inferiore della piastra di rame, dalla combustione dell’olio di mandorle nel bruciatore ad olio posto sotto. Questo deposito nero di carbonio può essere miscelato con olio di mandorle o aloe vera e amamelide e può essere così utilizzato come eyeliner con l’ausilio di un pennello.

Distiller Sieves – Lucie Gledhill
Photography – Jess Bonham
Film – Diana Antunes
Model – Aya Husni Bey

Via Frameweb

02

03

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.