minor tasso di crescita della popolazione

Brasile 2014 | il mondiale di tutto il resto

minor tasso di crescita della popolazione
minor tasso di crescita della popolazione

Checché ne dicano gli animali indovini — mai stati così numerosi: dopo il celebre polpo Paul di Sud Africa 2010 (che, per la cronaca, nell’ottobre di quell’anno è passato a miglior vita) la fantozziana lista di veggenti zoologici si è allungata e comprende il cammello emiratino Shaheen, la tartaruga brasiliana Cabeçao, l’armadillo tedesco Flitz (o Norman, dipende dalle fonti), alcuni panda cinesi e ben 23 porcellini d’india inglesi — la coppa è ancora impossibile sapere chi se la porterà a casa.

Ma se invece del Campionato del Mondo dovessimo giocarcela su altri fronti i risultati sono già più che noti. Ce lo mostra il quotidiano inglese Wall Street Journal, che prende spunto dal classico tabellone da coppa calcistica per mostrare in maniera efficace indici e statistiche, mettendo a confronto diretto le 32 squadre che si giocano la fase finale dei mondiali.

L’infografica si intitola The cup of everything else e inizia con i dati più “calcistici” — squadra più alta, squadra più bassa, più giovane, più vecchia — per poi passare al numero di Starbucks o di McDonald pro capite fino a tassi di crescina della popolazione, obesità, disoccupazione, spese militari, spese per l’istruzione…

litri di alcool pro capite consumati all'anno
litri di alcool pro capite consumati all’anno

E scopriamo che:

· il Paese con più foreste è il Giappone

· in Costa Rica piove un sacco

· la Nigeria è lo Stato con più terreni agricoli, ma se la gioca in finale con l’Inghilterra

· il Belgio è quello dove la gente vive di più nelle città (l’Italia non arriva neanche agli ottavi di finale)

sigarette fumate pro capite dagli adulti
sigarette fumate pro capite dagli adulti

· in Corea del Sud vivono appiccicatissimi gli uni agli altri mentre in Australia c’è posto per tutti

· in Nigeria si sfornano bambini a iosa mentre il tasso di crescita della popolazione più basso ovviamente ce l’abbiamo noi, che battiamo in finale la Germania

· se vuoi comprare la benzina a poco prezzo devi andare in Algeria

· ma occhio a prendere l’auto in Iran perché è lì che si muore di più in mezzo al traffico

· in Inghilterra invece, nonostante l’alcool, puoi andare tranquillissimo

più alto tasso di disoccupazione
più alto tasso di disoccupazione

· a proposito di alcool: vincono i Russi (e era prevedibile), in finale coi Portoghesi (meno prevedibile)

· se devi scroccare una sigaretta meglio chiedere a un greco

· il tasso di disoccupazione più alto ce l’hanno i bosniaci; italiani battuti dagli spagnoli ai quarti

· in olanda 93 persone su 100 usano internet e noi arriviamo appena agli ottavi

prezzo della benzina più basso
prezzo della benzina più basso

· chi spende di più per l’istruzione (in proporzione al prodotto interno lordo) è l’insospettabile Ghana; l’Italia non supera nemmeno la fase a gruppi

· i russi hanno più di un cellulare a testa; qua ce la battiamo ma veniamo sconfitti in semifinale proprio da loro

· vergognosamente, in quanto a numero di turisti in arrivo, non superiamo i quarti di finale; vince la Francia, ma ci batte persino la Spagna

· i più ciccioni sono gli americani e i più magrolini i giapponesi, che non a caso sono pure quelli che mangiano più pesce e che hanno l’aspettativa di vita più alta, campo dove un tempo davamo filo da torcere a tutti ma che ora ci vede battuti dagli sparuti australiani ai quarti

percentuale del prodotto interno lordo destinata all'istruzione
percentuale del prodotto interno lordo destinata all’istruzione

· ci rifacciamo con le nomination agli Oscar come miglior film straniero, ma arriviamo secondi, dopo gli eterni rivali d’oltralpe

· non siamo più nemmeno molto cattolici: arriviamo ai quarti, battuti dal Messico che poi però perde in finale col Portogallo

· l’Italia è un paese per donne sposate e infatti arriviamo ai quarti di finale con Iran, Nigeria e Grecia; alla fine vince l’Iran

· il paradiso delle single invece è il Brasile dove quasi la metà delle donne di mezza età non ha marito, poco più di quelle inglesi (ma per motivi ben diversi, credo)

numero di turisti in arrivo ogni anno
numero di turisti in arrivo ogni anno
aspettativa di vita più lunga
aspettativa di vita più lunga
percentuale di donne di mezz'età sposate
percentuale di donne di mezz’età sposate
percentuale di donne di mezz'età non sposate
percentuale di donne di mezz’età non sposate
nomination all'Oscar come miglior film straniero
nomination all’Oscar come miglior film straniero
co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.