Passare ore davanti a cose belle e gratis? La nostra rubrica Tesori d'archivio è la soluzione.

Save the date | Teste Creattive

Cosa
Teste Creattive
Quando
17 - 21 giugno 2014
Dove
Pescara, location varie (più una puntatina a Roma)

Per capire come siamo messi realmente, in un Paese che legge poco e male come il nostro, basta seguire un personaggio come Maurizio Ceccato — grafico editoriale, art director, illustratore nonché editore e libraio indipendente — che sulla sua pagina facebook posta regolarmente i dialoghi surreali con chi entra nella sua libreria romana immaginando sia qualcos’altro.
Eccone qualche esempio:

— Scusate vendete pile?!?
— No.
— Ho una radio.
— Ah…
— Vendete ricambi per la macchina?!? Per l’autoradio…
— No.
— Ma ho visto degli accessori in vetrina.
— Quali?
— Quelli.
— Quelli sono giradischi.
— Ah vabbene.
— …

— senta dovrei fare delle fotocopie
— beh…
— ho visto che vendete libri e siete anche cartoleria giusto?
— beh, veramente…
— guardi dovrei fare queste qui. sono poche una cinquantina.
— veramente…
— quanto viene?
— senta non facciamo fotocopie, non siamo una copisteria, non siamo una cartoleria e forse non siamo nemmeno una libreria.
— ah capisco. sa dove posso farle?
— non so.
— vabbene grazie grazie comunque bella libreria, bella.
— …

– Scusi ho visto quelle lampade.
– Ah sì?!?
– Belle, quanto vengono?!?
– Non sono in vendita.
– Ah no?
– No. Noi vendiamo libri
– Ah perché le ho viste in vetrina e allora pensavo…
– Le usiamo come arredo.
– Quella bella a forma di…
– Vendiamo libri.
– Mi piaceva…
– …buonasera.

Si sorride, è vero. Ma di quei sorrisi amari e a denti stretti.
Perché il mondo delle piccole librerie indipendenti, al di là di uno zoccolo duro di clienti competenti e appassionati, è pieno di scene simili. Che dimostrano quanto sia distorta la pura e semplice percezione del grande pubblico rispetto ai luoghi dove la cultura non viene proposta a mo’ di supermercato o di centro commerciale.

Proprio per questo l’idea di “ambientare” dentro alle vetrine delle librerie indipendenti la sesta edizione di un festival come Teste Creattive, che da sei anni, d’estate, anima a suon di fumetti, illustrazione, performance e installazioni una città come Pescara, è lodevole: si tratta di tirare fili, di allacciare rapporti, di tracciare percorsi altri, lontani dalle rotte del consumo (anche culturale) mordi-e-fuggi.

teste_creattive_1

Altri percorsi e altre mete dopotutto è anche il titolo di questa sesta edizione del festival, che vedrà come ospiti oltre ai “nativi” Michela Tobiolo e Simone Angelini anche tre artisti argentini, Pedro Mancini, Dante Ginevra e Natalia Lombardo, tutti protagonisti di una mostra collettiva e della realizzazione di disegni a vetrina nelle librerie indipendenti di Pescara, che ospiteranno anche delle piccole mostre personali degli autori.

Ad arricchire il programma anche performance e presentazioni di libri mentre il 19 e il 20 giugno tutta la squadra di artisti si sposterà in quel di Roma per il Crack!, l’ormai celebre festival del fumetto organizzato da dieci anni nei sotterranei del Forte Prenestino.

Altre storie
Save the date | Anima e corpo: una mostra di illustrazione sul ring