7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Il Kittie (qui il sito del gruppo Canemarcio).

Ciao Il Kittie, di dove sei, quanti anni hai e da quanto fai l’illustratore?
Sono nato e cresciuto in un piccolo paese in provincia di Pordenone, ora studio a Bologna. Ho 23 anni.
Credo si cominci a contare dal momento in cui ci si prende seriamente, in questo senso non ho mai cominciato.

Matita o penna grafica?
Matite (possibilmente rubate), china, pentel e ancora matite, grasse però (sempre rubate).
La tavoletta aggiusta e rifinisce.

Cosa fai quando non disegni?
Rubo ai bambini.
Non le matite, quelle le rubo altrove.

Cosa c’è sulla tua scrivania?
Rubrica, lattina di caffè, porta penne, porta pennelli, portaoggetti, cartelline, fogli, modellino di Gan Q, cartine, scotch per carta, temperamatite, adesivi, crema uso mani, scotch di carta, colla, china e una raccolta di storie di Umezu.

Un disegno pesa quanto…
… è inversamente proporzionale al peso del contenuto nel posacenere.

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
Di solito punto molto verso racconti, fiabe e leggende, tutte cose sparse in vari libri e difficili da scegliere quindi per comodità facciamo Il signore delle mosche.
Come poster mi piacerebbe molto fare Il settimo sigillo o Haxan, ma anche il primo film dei Power Ranger in realtà.

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti?
Di italiani così su dei piedi direi Thomas Raimondi ed Enrico Pantani.

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.