Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

Issues | Clog

Il brutalismo è una corrente architettonica che mi ha sempre affascinato, col suo richiamo alle fortezze da romanzo di fantascienza, la cruda spietatezza della materia, i blocchi geometrici che proiettano a terra ombre cupe e massicce degne dell’immaginario estetico di un regime assoluto, una mastodonticità intrinseca che sembra studiata apposta per far sembrare ancor più piccoli e patetici e spersonalizzati gli umani che vagano sotto o dentro a quelle strutture. Il brutalismo è soppraffazione. Già a partire dal nome—che deriva dal francese béton brut, cemento grezzo—dove un vago odor d’accademia non riesce a dissipare del tutto il puzzo di totalitarismo, la carica da fumetto distopico e violento.

E proprio al brutalismo è dedicato l’ultimo numero di Clog, magazine che esplora l’architettura a partire da singoli temi (nei primi cinque numeri: Big, Apple, Data Space, Rendering, National Mall) e sviluppandoli da diversi punti di vista ed approcci multidisciplinari.

Purtroppo non sono riuscito a trovare immagini delle pagine interne ma la splendida copertina, brutale e dunque perfettamente in linea con il contenuto, promette bene.

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.