1pm | Roberto Di Mauro

Abbiamo intervistato lo chef Roberto Di Mauro.

* * *

Ciao Roberto, quanti anni hai, di dove sei e da quanto tempo fai il cuoco?

Ciao, ho 37 anni e sto dietro i fornelli da 22 anni.

Qual è il tuo primo ricordo alimentare o il ricordo del primo sapore?

La ricotta appena sformata dalle fuscelle.

roberto_di_mauro_01

Cosa fai quando non cucini?

Studio, leggo fumetti e, la cosa più importante, mi occupo dei miei due discoli Jacopo e Delia.

Dove lavori? Descrivi la tua cucina con 3 aggettivi.

Questo è un po’ difficile ho scelto di non avere un mio luogo, perché non riesco a fermami in un punto, mi occupo di ricerca in cucina quindi mi piace girovagare, dalle cucine di una casa privata a quelle di un grande catering o di alcuni ristoranti, per finire alla cucina delle scuole dove insegno e… quella di casa mia.
Fusione-Armonia-Studio.

Tre ingredienti per te fondamentali per una buona ricetta.

Materie prime-tecnica-pazzia.

roberto_di_mauro_02

Qual è l’immagine che vuoi evocare con i sapori della tua cucina?

La cucina per me è il luogo, cucinare è il punto di arrivo di un progetto. Considero la mia cucina “un’armonica fusione di sapori che ne mette in risalto la singolarità”.

Un cuoco che mi consigli di tenere d’occhio?

Luca Abbruzzino.

roberto_di_mauro_03

roberto_di_mauro_04

roberto_di_mauro_05

roberto_di_mauro_06

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Track21: da BasileADV e dalla type foundry Resistenza l’immagine e il packaging di una nuova birra italiana