Pitti82 | Super Duper Hats

Il cappello fa il monaco. Più dell’abito. Racconta di come sei e di quello che fai. E non a caso quando si hanno diverse competenze e si passa dall’una all’altra si usa dire ad esempio “la sera, quando torno dal lavoro, mi tolgo il cappello da impiegato di banca, mi metto quello da orticoltore ed inizio a badare al mio orto”.
Andare a trovare i ragazzi di
SuperDuper quindi è come fare un’esperienza al di fuori di sé, immaginandoti in molteplici vesti, perso in altrettante avventure, esotiche o quotidiane.
Nel giro di un minuto puoi passare dall’essere un performer dell’epoca del vaudeville ad un esploratore perso nel deserto nord-africano; dal losco faccendiere seduto in un bar in riva al mare nei Caraibi al relax di un ottocentesco pic-nic sull’erba.
Sebbene un po’ perso nell’estemporaneo film ad episodi che sta andando in onda nella mia testa non dimentico la mia missione di inviato per
Frizzifrizzi e per il Grand Tour di Mumm Code mi faccio raccontare da Ilaria Cornacchini – una delle tre teste (con cappello) di SuperDuper insieme a sua sorella Veronica e a Matteo Gioli – la loro collezione primavera/estate 2013.

Partiamo subito con il modello più eccentrico. Fossi in voi ne manderei uno a Philippe Daverio. Ce lo vedo.
[Ride n.d.r.] Questo modello è la punta di diamante della nuova collezione è la collaborazione con Lotho Eyewear, un fantastico brand francese che produce occhiali. Insieme abbiamo fatto un cappello che ha l’occhialino “pince nez” da poggiare al naso e che volendo si può nascondere nel fiocco.
Ma non è l’unica collaborazione. Ne abbiamo un altra con Jimi Roos, un designer che realizza ricami con il punto “sbagliato”, lasciato lento. A lui abbiamo affidato due cappelli, uno da uomo e uno da donna.

I due modelli ricamati in collaborazione con Jimi Roos
Vedo moltissimi panama.

Sì, tra cui i modelli della Superior Quality, una linea realizzata in “balibuntal”, un materiale di alta qualità e soprattutto super-leggero.
Poi “basket” con un intreccio di rafia in paglia di Vienna.

Ci sono anche quelli con la visiera!

Visiera in pvc. Così quando vengono colpiti dalla luce creano una banda colorata sugli occhi, ti colorano lo sguardo.

Ilaria Cornacchini ed il suo basket con visiera colorata
Tantissimi modelli.

Per la prossima primavera/estate non ci siamo risparmiati.
Abbiamo anche rivisitato il classico canottino in versione bicolor.

Che sembra quasi da mangiare. Mi ricorda la cara vecchia girella.

Sì è un po’ “torta”. Ma guarda questo, secondo me ti piacerà.

Canottino nella nuova versione bicolor
Un cappello da esploratore!

Poi c’è il cappellone gigante da mare…

Mi vedo decisamente meglio con quello da esploratore.
Il modello da esploratore
Il "cappellone gigante da mare"
Il modello con occhialini 'pince nez' in collaborazione con Lotho
Qua in versione nera
Veronica Cornacchini
Panama
Matteo Gioli
Basket
Ancora basket
Canottino bicolor e bombette
co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (1)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.