Pro-Keds | da Athletes World in esclusiva per l’Italia

Esordisco regalandoti un aneddoto di quelli che fanno improvvisamente drizzare le orecchie a chi ti sta davanti e che in un nanosecondo riescono a far alzare il valore, se non commerciale almeno a livello “emotivo”, delle Keds che porti (o più probabilmente porterai) ai piedi.
Perché – senti un po’ – le Keds sono le prime, vere sneakers. Nel senso che l’idea di chiamare sneakers un paio di scarpe da ginnastica ce l’ha avuto proprio la storica azienda americana che quasi cento anni fa, nel 1917, in un mondo di suole rigide e tacchettii, hanno sfornato le prime suole in gomma (e infatti l’azienda che lanciò il marchio era la Uniroyal, quella degli pneumatici, che al tempo si chiamava U.S. Rubber), capaci di farti strisciare di nascosto, con passo felpato, to sneak.

Inizialmente le Keds dovevano chiamarsi Peds ma il marchio era già stato registrato quindi cambiarono la P di piede in K, scoprendo che il risultato era altrettando evocativo dato che i nativi americani chiamavano keds i loro mocassini.
Il marchio ebbe un successo incredibile e nel ’49 affiancò alla produzione normale una linea di sneakers pensate appositamente per lo sport: Pro-Keds.
Se vai a cercare vecchie foto di campioni di basket o di tennis degli anni ’50 e ’60, o anche di una qualsiasi ora di ginnastica in una scuola americana dell’epoca scoprirai che la maggior parte di quelli che per divertimento o per lavoro (o entrambi) correvano avevano ai piedi un paio di Keds.

Da allora, e nonostante l’agguerritissima concorrenza – soprattutto dagli anni ’70/80 in poi – queste semplicissime, minimali scarpe americane sono rimaste un fenomeno di culto, anche grazie ad una distribuzione piuttosto limitata rispetto a quella degli altri marchi del settore.
La collezione Pro-Keds SS2012, introdotta da un poster pubblicitario d’epoca (ma non sarebbe stato male neppure questo, no?), in Italia la trovi in esclusiva da Athletes World.

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Le Cartoline Gioiello nate dalla collaborazione tra la designer Giulia Tamburini e il disegnatore Ettore Tripodi