Cut-Rate

Motociclette e birre, fango e tatuaggi, barbe lunghe e giapponesi che spuntano da ogni dove. Questo il succo di un marchio come Cut-Rate, che arriva dal Maryland ma va alla grande in Giappone, unico posto al mondo dove ogni singola subcultura che sia mai arrivata dall’occidente, soprattutto quelle delle passato, ha una sua scena e schiere di convintissimi appassionati: negozi di riferimento, locali, riviste e fanzines, bands ed ovviamente marchi d’abbigliamento.

I bikers con gli occhi a mandorla adorano i capi old-school e senza troppi fronzoli di Cut-Rate, soprattutto per “il mondo” che si portano dietro. Made in USA e realizzati con materiali a stelle e strisce, è molto più semplice trovarli in quel di Tokyo che in madre patria (per l’acquisto ti consiglio quindi di contattarli direttamente all’indirizzo [email protected]).

Altre storie
Laju Slow Apparel: un nuovo marchio che è un inno alla lentezza