Torna il corso di fashion-blogging, dove ti spiego perché quello che sto per fare, uno spudorato copia/incolla dal mio stesso post relativo all’ultimo corso che abbiamo tenuto in quel di Verona, è male.
Ma male male male.

Il riferimento [dell’immagine] a fatti o persone è puramente casuale…
Ma l’attenzione dei grandi marchi e degli uffici stampa, le prime file alle sfilate e le interviste o gli articoli che gridano al fenomeno, hanno creato dei mostri.
La conseguenza: schiere di giovanissimi (o peggio ancora, attempati/e con vagonate di tempo da perdere) salgono su un treno dove – in apparenza (in tutti i sensi) – il biglietto è praticamente gratis, l’unico prezzo da pagare è la “fatica” di farsi fotografare agghindati come per un ballo in maschera, partecipare ad ogni evento possibile, raccontare in forma di diario una vita artificiosa che vorrebbe essere – e a volte purtroppo lo è – presa a modello.

Sotto alla patina luccicante, che d’altra parte si presta pure alla derisione collettiva (gli esempi – esilaranti – non mancano), sotto all’etichetta “fashion blogger” – da rivedere, ma per non creare confusione continueremo a chiamarli/ci così – vive però una comunità di appassionati, professionisti, sperimentatori, gente che non si accontenta dei copia/incolla, che non fa a gomitate per un front-row a una sfilata, che non cerca la via più breve per una celebrità effimera e fatta di nulla ma, al contrario, fa ricerca, promuove giovani realtà meritevoli di una vetrina, allaccia rapporti di collaborazione con le aziende che vanno al di là di qualche scatto con una borsa o un paio di occhiali addosso.

Sono questi i fashion-bloggers che meritano visibilità e, soprattutto, meritano di lavorare.
E sono questi che il sottoscritto, gli amici Gabriele Stringa e Giorgia Chiampan di Bobos ci apprestiamo a formare attraverso un corso intensivo di 8 ore, in un’unica giornata, che si snodano in lezione teorica, esempi, case histories e consigli pratici, mettendo le basi per il lancio in rete del proprio blog, affrontando tematiche come la gestione del sito, i collaboratori, il rapporto con i lettori, l’autopromozione, l’advertising, i social networks.

Per il corso, organizzato a Verona in collaborazione con il centro di formazione professionale Sintetik Training, e rivolto a studenti, appassionati, professionisti, figure aziendali che vogliono aggiornarsi sul fenomeno fashion-blogs, ci sono a disposizione 10 posti.
Tutte le informazioni puoi richiederle qui.