The book is on the table | Antonio Civita


Abbiamo deciso di affittare ad equo canone la nostra rubrica settimanale sui libri a persone che stimiamo chiedendo di raccontare il loro book is on the table, quello più importante, quello che ha lasciato un segno, quello che se la casa andasse a fuoco…
[wpcol_2third id=”” class=”” style=””]

Baci da 100 dollari
Racconti inediti di Kurt Vonnegut
Isbn Edizioni

È un libro con i tagli rossi. Questo fatto lo ha reso subito un oggetto che dovevo avere.
Oggi è piuttosto raro trovare in libreria oggetti simili. Un tempo, colorare i tagli era una pratica che serviva per distinguere i libri di valore (o quelli religiosi) dagli altri.
Ero sicuro infatti che quel libro avesse qualcosa in più. La copertina stampata su una bella carta usomano piacevole al tatto dice “Racconti inediti”.

Di Kurt Vonnegut non avevo mai letto libri interi, per pregiudizio. Non mi piace la fantascienza. Avevo sentito dire che scriveva solo di quello e superficialmente l’ho sempre evitato, ma già dalla prima pagina era evidente che quel libro parlasse di qualcosa di diverso.

“È più felice un uomo ricco o un uomo innamorato? […] Quanto denaro può valere un bacio? Più o meno di un ricordo?”

Aspetta! Quindi non parla delle solite creature del pianeta Tralfamadore, disquisizioni spazio temporali (per altro interessantissime, se la matematica quantistica mi fosse stata raccontata così oggi sarei uno scienziato), o incontri con sostanze chimiche antropomorfe, navicelle spaziali e via dicendo…
Qui c’è della vita vera!

Continuo a leggere il frontespizio e capisco meglio che sono racconti scritti negli anni ’50, cercando di guadagnarsi da vivere con la scrittura pubblicando su rotocalchi e settimanali.
Racconti brevi, insoliti, facili da leggere e divertentissimi.
Scorro veloce all’indice, vedo ce ne sono 16. A occhio e croce di una decina di pagine l’uno e i titoli potrebbero già essere di per sé degli script per spot pubblicitari.
“Baci da 100 dollari, appunto – Con la mano sull’acceleratore – La riserva delle ragazze – Mr. Z – Diecimila dollari l’anno sicuri – Gli imbroglioni …”
Lo compro.

Vi assicuro che se lo avreste anche voi tra le mani lo divorereste. È semplice, immediato, asciutto, cinico, onesto. Dave Eggers, che ha scritto la prefazione non avrebbe potuto usare metafora più efficace: Kurt, in questo libro, “è un giovane volenteroso fabbricante di trappole per topi, e noi siamo la sua preda consenziente.”

La storia dell’uomo innamorato di un frigorifero costruito per avere le sembianze della prima moglie che il migliore amico gli ha portato via è bellissima e Spike Jonze ci ricaverebbe di sicuro un corto.
Una giovane dattilografa, annoiata di scrivere noiose offerte commerciali in un reparto di sole donne, si innamora della voce di un dipendente ribelle dell’azienda. Ma finirà per sposare un uomo più rassicurante e paterno.
La gara di presepi kitsch, le telefonate di impiegati annoiati alla playmate di una rivista per soli uomini, la mamma che aiuta la nuora nel ravvivare il matrimonio del figlio troppo distratto da se stesso e da un modellino ferroviario in scala perfettamente funzionante. E tanti altri…
Baci da 100 dollari è un libro bellissimo, da leggere velocemente e da appoggiare in orizzontale nella pila dei libri che vi hanno lasciato qualcosa. È il mio book-on-the-table.[/wpcol_2third] [wpcol_1third_end id=”” class=”boxdx” style=””]

ANTONIO CIVITA

È pugliese ma attualmente vive e lavora a Firenze come Art Director occupandosi di advertising, progetti multimediali e editoriali. È convinto che sarebbe dovuto nascere in un altra epoca.
Proprio per questo motivo un paio di anni fa ha fondato Traumnovelle, una fanzine di lusso, stampata e distributita grazie all’aiuto di alcuni amici per i quali ha creato pubblicità che non avrebbero avuto il coraggio di realizzare. Ora è anche un blog, che cura con il prezioso aiuto di chi lo sopporta e supporta, scrivendo di cultura, moda e musica.
Crede che la gente abbia smesso di sognare  ed è anche per questo, secondo lui, che compra meno, si diverte meno e passa troppo tempo sui social network.
Nel tempo libero ha trovato una casa nuova con giardino e si diverte ad arredarla.

[/wpcol_1third_end]
Altre storie
Bang! La rivista-esperimento di Klaas Verplancke è uscita con il nuovo numero