fbpx
suitsupply 12

Suitsupply | primo store italiano (con tanto di sarto)

suitsupply 12

Suitsupply
c.so Monforte 14, Milano
mappa
suitsupply.com

Lo scorso aprile il Wall Street Journal analizzava il recente boom dei completi da uomo, soprattutto di quelli che, pur mantenendo un’alta qualità delle materie prima e della lavorazione, riuscivano ad arrivare ai clienti ad una fascia di prezzo tutto sommato (stiamo parlando di completi) contenuta – parliamo di 600€ o addirittura meno. L’aspetto più interessante dell’articolo era però un test alla cieca condotto da due esperti del settore: Salvatore Giardina, designer e professore al Fashion Institute of Tecnology di New York, e Salvatore Cesarani, anche lui designer ed anche lui professore, ma allaParsons, sempre a NY.
I due hanno testato sei diversi abiti di vari marchi e prezzi, da un Armani da 3600$ ad un Target da 90$ passando per H&M, J.Crew, Hart Schaffner Marx e Suitsupply.

La sorpresa? Suitsupply, con un abito da 600$, si è classificato primo insieme all’Armani da 3600$, con una qualità dei tessuti (italiani), della lavorazione, dei dettagli tale da giocarsela tranquillamente con un concorrente che costa sei volte tanto.

Il segreto? Un piccolo impero di stores che in dieci anni, partendo dall’Olanda, hanno conquistato mezzo mondo e che da qualche giorno hanno raggiunto anche Milano, con l’apertura del primo negozio italiano dove acquistare completi già pronti – parliamo di una fascia di prezzo che parte dai 259€ ed arriva i 600€ – oppure facendoteli aggiustare su misura da uno dei sarti in store che in un’ora o anche meno, il tempo di scegliere magari una camicia, una cravatta, un paio di scarpe oppure una borsa da abbinare, ti preparano il tuo abito.

Altre storie
b switch 5
B-Switch: una collezione di streetwear ispirata alla Bolognina e realizzata da 35 studenti delle superiori