Utilizzare quotidiani o riviste per impacchettare regali non è certo una novità, soprattutto se non prendi pagine a caso ma cerchi di abbinare immagini o titoli al regalo e al “ricevente” (a mio padre: qualcosa di ironico sul PCI; a mia madre – bellissima donna in miniatura – qualche spilungona presa da riviste di moda; ad Ethel – il perché lo sappiamo io e lei – pubblicità di pigiami).

Wrap, però, com’è facile intuire dal titolo stesso, è il primo magazine che nasce proprio con l’intento di diventare carta da pacchi: formato A3 e pagine illustrate da alcuni tra i migliori artisti internazionali; lo prendi, lo sfogli, ti lasci ispirare dalle immagini ed esci a comprare qualcosa, ché a mettersi in vantaggio sul Natale in arrivo è sempre cosa buona e giusta, nonostante quest’anno lo spirito natalizio abbia non pochi Grinch contro cui combattere.

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (1)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.