Monoqool

Un paio di occhiali senza viti che si perdono, saldature che si rompono e stanghette che si staccano: fantascienza, come un aereo che non cade, una bolla di sapone che non scoppia, un condominio senza liti condominiali, una suocera che non parla, una classe politica che fa gli interessi del Paese.
Se tutto il resto rimane per ora nell’ambito del fantastico, per gli occhiali qualcuno ha trovato una soluzione – la spirale – l’ha brevettata, ha vinto una caterva di premi di design ed ora sta iniziando a vendere in tutto il mondo i suoi splendidi, leggerissimi, solidi occhiali.

Si tratta di Monoqool, marchio fondato nel 2008 da due danesi tutti d’un pezzo, che unisce design scandinavo e tecnologia giapponese per produrre occhiali leggerissimi (appena 5g) e resistenti, oltre che splendidi.

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Le Cartoline Gioiello nate dalla collaborazione tra la designer Giulia Tamburini e il disegnatore Ettore Tripodi