Kenyan Lewis | The creative world at work!

Sulle tracce di Kenyan Lewis di New York, personaggio tuttofare con  blog a carico e sito in costruzione, cool-hunter (sì lo so è una parola abusata, ma Kenyan tra l’altro anche questo fa), mecenate, smistatore di opportunità, visual merchandising manager, maestro nell’arte dell’abitare, perfect idea catcher e chi più ne ha più ne metta… ci sono arrivata di link in link ricercando in internet accessori grintosi per completare un look da matrimonio che rischiava di apparire un po’ riciclato.

C’è un’epidemia di matrimonio tra i miei amici quest’anno e, visto che non posso vaccinarmi, voglio almeno presentarmi  nel modo giusto e non aver l’aria stropicciata dell’invitata forzata nel tubino ‘scoppiereccio’ dei saldi dell’anno prima, che ha placato l’arsura di ferragosto col prosecco (ma come vi viene in mente di sposarvi in piena estate?!).
Su un sito di shopping molto simpatico del quale vi parlerò senz’altro (no, non è Etsy), scovato digitando in Google parole chiave quali wedding, accessories e cool,  ho trovato in vendita (a soli 225$), nientepopodimenoché una fantastica fiaschetta di Kenyan Lewis in metallo a pattern di coccodrillo, che garantisce le lacrime meglio spese qualora si procedesse al suo acquisto.
La immagineremmo parte del kit del golfista accanito e invece… troppo divertente figurarsi una sposa emozionata, al braccio del padre sfilare su un tappeto di petali di rosa e le note di una marcetta balcanica (perché balcanica? Suonava bene con marcetta, no?) in sottofondo, che tira fuori questa bella fiaschetta dalle pieghe del vestito e si fa un goccetto di conforto, per poi guardare inebetita e raggiante futuro marito e testimoni sull’altare.

Che siate attratti dalla personalità aggregatrice e sorridente di Kenyan, o dai tesori che scova dal rigattiere (pardon, volevo dire in giro per il mondo), tenete presente che sul suo blog Kenyan vi dà anche la possibilità di caricare gratuitamente un vostro portfolio e di rispondere ad annunci di lavoro per profili creativi, ma non per l’Italia.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Le porcellane della nuova collezione di Supermama