7am | Claudia Moroni

7 foto e 7 domande, alle 7 di mattina, a fotografi che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Claudia Moroni (qui il suo sito).

Ciao Claudia, quanti anni hai e di dove sei? Da quanto scatti foto?
Ciao Simone, ho 25 anni e originariamente sono di Roma, ma, dopo aver studiato a Milano ed essermi laureata in una piccola cittadina nel Nord Est dell’Inghilterra, mi sono trasferita a Londra.
La passione per la fotografia e’ scattata quattro anni fa mentre studiavo tutt’altro all’accademia di belle arti di Brera e decisi di seguire un corso di fotografia per avere qualche credito in piu’.

La tua attrezzatura?
Preferisco scattare a pellicola e uso la digitale solo quando mi e’ richiesto per questioni di lavoro e praticita’ e in tal caso adopero una Nikon D90 con zoom 16-85mm e l’obiettivo fisso 50mm 1.4 per quando c’e’ poca luce. La mia macchina fotografica preferita e’ una medio formato Zenza Bronica Sq-Ai con l’obiettivo normale 80mm (ho anche un 50mm, ma non lo uso molto) che ha sostituito la Mamiya C3 che usavo all’universita’.
Mi piace scattare ritratti molto ravvicinati, quindi mi servo spesso dei filtri close up e di un teleconvertitore x2 che trasforma il mio 80mm in un 160mm. Per il 35mm scatto con una Nikon F-301 e obiettivi serie E (la piu’ economica ^_^) 28, 50 e 100mm.
Ho da poco cominciato ad usare un cavalletto e dei panelli riflettenti e mi chiedo come possa averne fatto a meno per tutto questo tempo, sono troppo comodi!
A volte, quando scatto in bianco e nero, mi servo di filtri colorati e in generale ho la pessima abitudine di comprare attrezzatura non necessaria.

Cosa fai quando non fai foto?
Lavoro in un paio di studi fotografici come assistente, pianifico shootings, stresso il mio moroso per farmi da assistente durante gli shootings, sviluppo rullini, stampo in camera oscura, leggo (principalmente di libri di fotografia), parlo coi miei amici (principalmente di fotografia), dormo e sogno di fotografia… insomma, sono ossessionato dalla fotografia 24 ore su 24!

Descrivimi la tua stanza.
Condivido la stanza col mio moroso ed e’ un casino pazzesco: ci sono libri accatastati ovunque, una televisione col lettore dvd su una scrivania sgangherata, un letto matrimoniale che ha visto tempi migliori, due chitarre in un angolo e tante foto, disegni e cartoline attaccate alle pareti

La tua macchina fotografica pesa quanto…
… un elefante, ho sempre mal di schiena!

Se il tuo immaginario fosse un film? O un libro?
Che domanda difficile! Ho un immaginario un po’ schizofrenico e prendo ispirazione da tante fonti diverse, quindi limitarmi a menzionare un libro e un film mi pare impossibile. Ultimamente ho tratto ispirazione da film come Freaks di Tod Browning and Of Freaks and Men di Aleksei Balabanov e dai libri di Chuck Palahniuk (Invisible Monsters, Choke e Fight Club).

Un fotografo/a che mi consigli di tener d’occhio?
Tra i fotografi italiani apprezzo molto Davide Maione, che tra l’altro e’ un caro amico, mentre tra gli internazionali mi permetto di segnalare Philippe Calia, francese, ed Ellen Rogers, inglese

Altre storie
Flickr/Week(r) | Christmas, 2020