7am tatoo | Loris Sandino Cassiani Ingoni

7 tatuaggi e 7 domande, alle 7 di mattina, ad artisti della pelle che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Loris Sandino Cassiani Ingoni.

Ciao Loris, di dove sei e da quanto fai tatuaggi?
Ciao, è difficile dire di dove sono… pur essendo nato a Roma ho trascorso gran parte della mia vita in giro per l’Italia e l’Europa, in particolar modo in Francia e in Grecia, nell’isola di Aegina, dove tuttora vado a lavorare e a trovare mio padre, che vive lì.
Ho iniziato ufficialmente circa 7 anni fa, anche se il mio primo tatuaggio l’ho realizzato ad un mio amico con ago e china quando ancora non ero nell’età della ragione!

Perché hai inziato?
Per me è stato un processo naturale non era un lavoro era Arte, pura espressione artistica, ma dopo aver provato vari lavori, perché in un modo o nell’altro dovevo mantenermi, sette anni fa, tornato dalla Francia ho deciso che dovevo tornare alle mie origini, che non potevo rinunciare alla mia vena artistica, ma che dovevo unire fonte di guadagno e arte: dovevo FARE IL TATUATORE perché ero un tatuatore!

Cosa fai quando non fai tatuaggi?
Se e quando non farò tatuaggi vorrà dire che sono morto. Scherzi a parte, ho aperto di recente uno studio tutto mio e quindi ho veramente poco tempo libero, quel poco che ho è sicuramente dedicato agli affetti, al disegno, alla pittura e a tenermi aggiornato su ciò che succede nel mondo del tattoo.

La storia più strana dietro ad uno dei tatuaggi che hai fatto?
Non è facile scegliere la storia più strana… nel nostro lavoro ne sentiamo e vediamo davvero tante di storie, che sembrerebbero folli a chiunque si ritenga “normale”, e fortunatamente io non mi ritengo tale. Se proprio devo raccontarne una vi parlerò dell’Uomo-Logo, ovvero del ragazzo che senza pensarci 2 volte ha deciso di tatuarsi il mio logo sul petto. Quando è entrato nel mio studio stava accompagnando un suo amico, non doveva tatuarsi, poi ha visto il mio logo sulla porta e ha iniziato a dire che gli piaceva il disegno, che era davvero bello… io allora scherzando ho detto: “se vuoi te lo tatuo!”. La cosa strana? Ha detto “sì” e oggi ha il mio logo sul petto!

Un tatuaggio pesa quanto…
… l’investimento emotivo che spinge la persona a decidere di farlo!

Chi vorresti tatuare? E cosa gli faresti?
Non sono io che devo scegliere chi tatuare, e soprattutto non è una cosa che mi interessa, sono le persone che scelgono me come tatuatore e io sono fiero di riuscire ad accontentare tutti i miei clienti. A volte però mi piacerebbe scegliere “cosa” tatuare.

Un tatuatore/tatuatrice che mi consiglieresti?
Sicuramente il mostro sacro del tatuaggio realistico: Alex De Pase.

Loris Sandino Cassini Ingoni
Loris Tattoo: The Noble Art of Tattoo
Via Calabria 64, Villalba di Guidonia (Rm) | mappa

Altre storie
Design di Classe: la tesi di laurea di Alvaro Camillucci